Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

La Roma vince ma non convince

Battuto il Gent, ma ancora una volta la prestazione non è sufficiente

Serviva vincere e la vittoria contro il Gent è arrivata. Per interrompere, un mese dopo l’ultimo successo, la striscia negativa di tre KO consecutivi in campionato. Ma la qualificazione agli ottavi di finale di Europa League è tutt’altro che scontata per questa Roma, brutta, evanescente, che ha smesso di giocare il suo calcio e che esce vincitrice solo per la pochezza degli avversari.

Fonseca lascia fuori Mancini, che fin qui è uno di quelli che ha giocato di più, e mette dentro Fazio, finora quasi a riposo. Rispolvera Kolarov (malissimo) al quale ultimamente aveva fatto tirare il fiato e manda dentro dall’inizio il nuovo arrivato Carles Perez (bocciando di fatto Under). E forse non è un caso se il gol del vantaggio giallorosso porta proprio la firma dello spagnolo alla prima apparizione da titolare: non male. Assist di Dzeko, interno sinistro che piega il portiere del Gent per l’1-0 che avrebbe potuto mettere la partita in discesa.

Primi venti minuti su un buon ritmo poi il calo che porta all’intervallo con la Roma a rischiare inutilmente almeno un paio di volte. Nei quindici di riposo il tecnico richiama l’attenzione dei suoi per una gara che rischia di diventare tutt’altro che semplice, ma non ottiene il risultato sperato perché la Roma va un po’ meglio ma non decolla. Così è dura pensare positivo, stavolta alla Roma è andata bene ma può non bastare in vista del ritorno e soprattutto servirà altro per svoltare. Lo scrive Il Tempo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa