Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

L’Avversario, all’Olimpico arriva il Lecce di Liverani (FOTO)

Allo Stadio Olimpico arriva il Lecce di Fabio Liverani

Nel girone d’andata è riuscito a pareggiare con Milan, Inter e Juventus. I giallorossi del salento giocano con una mentalità da big e stanno dimostrando sul campo di meritare la Serie A anche attraverso risultati importanti, come ad esempio la vittoria per 2-3 in casa del Napoli di Gennaro Gattuso.

Mentalità e risultati ottenuti

Una filosofia di gioco chiara a prescindere dall’avversario, una gestione del pallone accurata accompagnata da una quantità fisica non indifferente. Una mentalità non tipica da neopromossa che ad oggi gli vale il 16° posto con 25 punti conquistati sul campo dopo le 6 vittorie e i 7 pareggi e le 11 sconfitte rimediate dopo 24 giornate di campionato conditi da 32 gol fatti (il miglior attacco dal 13° posto al 20° posto in classifica) e 45 gol subiti che ne fanno la peggior difesa del campionato.

Come arriva il Lecce allo Stadio Olimpico?

Tre vittorie consecutive: il 4-0 contro il Torino; il 2-3 in casa del Napoli e il 2-1 in casa contro la SPAL. Qualche acciacco di troppo come ad esempio Falco, Farias e Babacar (quest’ultimo da valutare) e il dubbio su Rispoli e Saponara. La probabile formazione che schiererà Fabio Liverani è il 4-2-3-1 con:

Vigorito tra i pali; Donati, Lucioni, Rossettini e Calderoni in difesa; Majer e Deiola in mediana; Barak, Mancosu e Shakhov sulla trequarti a supporto dell’unica punta Lapadula.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Approfondimenti