Resta in contatto

Edicola

L’Edicola, la Roma ritrova la strada giusta e prova a ripartire

Tutta la rassegna stampa in un click

IL CORRIERE DELLO SPORTIl tour de force internazionale complica qualsiasi rinvio e all’orizzonte ci sono anche le semifinali di Coppa Italia. Il calendario, come ha ricordato Malagò, è fittissimo.

L’ultimo successo in Serie A risaliva al 19 gennaio scorso contro il Genoa e non era mai accaduto che, per due volte consecutive, Pau Lopez non prendesse gol, un segnale di ritrovata solidità difensiva, anche se ieri il Lecce non è mai stato pericoloso. Sono arrivati quattro gol con Dzeko che ha raggiunto Montella e che ha segnato già in 5 gare di questo 2020, meglio di lui solo Ronaldo e Immobile.

LA GAZZETTA DELLO SPORT – LRoma supera il Lecce con un secco 4-0, santificato dalle reti di Under, Mkhitaryan, Dzeko e Kolarov, che consentono agli uomini di Fonseca di ritrovare quel successo casalingo che mancava in A dal 15 dicembre, per giunta tenendo la porta chiusa, come in A non capitava dal 6 dicembre con l’Inter.

Ed invece ieri sera Mkhitaryan ci ha messo dentro tutti e due: i numeri (gol e assist) e la prestazione, con una partita a tratti esaltante. Tanto che lo stesso Fonseca a fine partita ha continuato a coccolarselo, come fa da un mesetto a questa parte. Ieri l’armeno era brillante, atleticamente fresco e voglioso di incidere.

Il fastidio al polpaccio di Under, quello al flessore di Pellegrini: sono questi i due giocatori che lasciano l’Olimpico con qualche acciaccoFonseca però non si dice preoccupato in vista della sfida di giovedì contro il Gent.

Un po’ di tutto, insomma, che se poi quel tutto lo metti insieme viene fuori quel campione che è Edin Dzeko. Giocatore totale per i meccanismi romanisti ma anche per la storia giallorossa. Già, perché il gol di ieri è il numero 102 della sua storia romanista, una rete che porta Edin al fianco di Vincenzo Montella nella classifica dei marcatori all time della Roma.

Ma la squadra di Fonseca ha ritrovato fiducia, come ammette lo stesso tecnico romanista: “Abbiamo attaccato bene, ma la cosa più importante è che non abbiamo subito gol“.

D’altronde, con l’emergenza epidemiologica che sta vivendo l’Italia, neppure il nostro calcio in questo momento finisce per andare in vetrina in senso positivo. Ma sul fronte della trattativa per il passaggio del pacchetto azionario da James Pallotta a Dan Friedkin i giochi sono virtualmente fatti, la “due diligence” – sulle 12 società che compongono la galassia della As Roma – è conclusa in tutti i punti salienti e quindi, fra Boston e Houston, tutti pensano che questa possa essere la settimana decisiva per le firme sui precontratti, il cosiddetto “signing”.

A Sassuolo le giallorosse si aggiudicano la quarta vittoria consecutiva, su un campo difficilissimo in cui le neroverdi avevano vinto le ultime sei gare casalinghe di campionato. Approfittando del rinvio del big match tra Milan e Fiorentina appaiate al secondo posto, la squadra di Betty Bavagnoli ha accorciato a -1. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

IL CORRIERE DELLA SERAAl fischio finale i giallorossi non avevano praticamente sudato e conquistato un 4-0Fonseca ha schierato la formazione giusta con Under e Mkhitaryan che hanno dato profondità. Il Lecce ha provato a fare la sua partita senza chiudersi a riccio, ma ha pagato cari gli errori in impostazione.

Fonseca: “Ero molto fiducioso. Il Lecce veniva da tre vittorie consecutive, e questo non dobbiamo dimenticarlo, ma siamo partiti molto bene e non ci siamo fermato come col Gent“. Sulle critiche: “Bisogna essere sempre equilibrati, se non attraversiamo un buon momento è colpa dell’allenatore. Io accetto serenamente le critihce, quando le cose non vanno bene non mi aspetto di ricevere i fiori“. Non ha brillato ancora Pellegrini: “Ha fatto una buona partita, aveva un po’ di fastidio e ho preferito non rischiare che si facesse male“. Ha parlato anche Mkhitaryan: “Crediamo al quarto posto però dobbiamo concentrarci solo sul Gent ora“. Lo scrive il Corriere della Sera.

Il gol al Lecce, la numero 102 con la maglia della Roma, vale l’aggancio all’Aeroplanino al sesto posto della classifica marcatori di sempre. Ora ad un passo ci sono Manfredini e Volk prima di puntare al podio dove c’è Amadei. 15esimo gol in stagione per il bomber bosniaco e il quinto nelle ultime 6 partite: “Mi piace giocare per i ragazzi e dare l’ultimo passaggio. La vittoria col Gent ci ha dato forza, ci mancava, poi col Lecce siamo andati in campo per 90 minuti a dare tutto e abbiamo messo l’aggressività che ci chiede l’allenatore“. Lo scrive il Corriere della Sera.

IL MESSAGGERODopo aver battuto il Gent in Europa League gli uomini di Fonseca si ripetono con il 4-0 rifilato al Lecce grazie alle reti di UnderMkhitaryanDzeko e Kolarov trovando anche il secondo clean sheet consecutivo (mai successo nelle precedenti 7 partite di campionato del 2020 e lontana l’ultima senza prendere gol in A, il 6 dicembre a San Siro contro l’Inter).

Il bosniaco è stato sempre al centro del gioco offensivo della Roma ed è arrivato a quota 102 gol con la maglia giallorossa raggiungendo Montella al sesto posto della classifica dei migliori marcatori di sempre del club.

Il serbo, bersagliato dal settore più caldo del tifo dell’Olimpico dolo aver segnato il gol del 4-0 al Lecce, ha ricevuto fischi e un coro pesante nonostante la rete realizzata e la vittoria scaccia crisi della squadra. La posizione dell’Olimpico, però, non è stata unanime perché in molti non hanno gradito il comportamento della Curva esternando il dissenso con gli applausi.

Il tecnico nel post partita del match vinto con i salentini, ha parlato dell critiche piovute su di lui dopo le ultime tre sconfitte subite in campionato: “Ci sta, sono io il responsabile della squadra. Tocca a me essere equilibrato e capire il momento. In questa fase non mi aspetto di certo dei fiori“.

LA REPUBBLICA Tra giovedì e venerdì a Houston inizeranno i lavori per il passaggio di proprietà a Friedkin e non c’era modo migliore per arrivarci. 4 gol la Roma non li segnava da dicembre, in casa addirittura da settembre e il merito è soprattutto di Under e Mkhitaryan. Un assist e un gol, il quinto in campionato, per l’armeno che quando gioca incide con una regolarità disarmante, segna una volta ogni 144 minuti. Senza Miki i giallorossi hanno raccolto solo 1,6 punti di media e in estate bisognerà decidere se acquistarlo dall’Arsenal. Lo riporta La Repubblica.

IL TEMPOArriva così, sull’onda dei gol di UnderMkhitaryanDzeko e Kolarov, il primo successo dell’anno all’Olimpico per la Roma di Fonseca: quattro a zero senza storia contro il Lecce e secondo clean sheet consecutivo.

Grazie alla rete segnata contro il Lecce il centravanti è salito a quota 102 gol in maglia giallorossa, raggiungendo Montella al sesto posto della classifica all time del club. Un traguardo importante, soprattutto per chi nel giro di pochi mesi è passato dal possibile trasferimento all’Inter ad essere il nuovo capitano dopo la partenza di Florenzi.

Col Gent il tecnico dovrà fare a meno di Bruno Peres, non inserito nella lista Uefa: al suo posto uno tra Santon e Spinazzola. Per quanto riguarda Pellegrini si è trattato di una sostituzione precauzionale visto che ha avvertito un affaticamento. Anche Under ieri è uscito per un piccolo problema fisico al polpaccio. Lo scrive Il Tempo.

I giallorossi contro il Lecce hanno fornito una prestazione completamente diversa rispetto alle ultime apparizioni, anche per qualche accorgimento tattico operato da Fonseca, che in fase di impostazione ha deciso di far scalare Veretout come terzo centrale di destra, liberando Bruno Peres sulla fascia in modo da dare ampiezza a tutta la squadra e lasciando Cristante più in mezzo al campo rispetto a quanto visto giovedì con il Gent. Il tecnico portoghese è soddisfatto della prestazione dei suoi.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Francesco Totti: uomo, capitano e leggenda

Ultimo commento: "Colui che ha rappresentato tutto ... l'amore della mia vita per il calcio e per questa squadra..."

Giuseppe Giannini

Ultimo commento: "Il mio primo vero amore... un sogno vederlo sulla panchina della Roma come allenatore"

Agostino Di Bartolomei

Ultimo commento: "Finire il vostre preoccupazioni d denaro stupido la mia offerta di prestito. Offro di 5000 ha 200 000 000 € un interessato del 3% per anno e-mail:..."

Daniele De Rossi

Ultimo commento: "Il solo capitano degno di Agostino"

Nils Liedholm

Ultimo commento: "Grande Barone! Iniziai allora a tifare la Roma, per la sua zona totale e quel genio di Falcao!"
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

Altro da Edicola