Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Duro attacco di Zhang a Dal Pino: “Il più grande pagliaccio che abbia mai visto” (FOTO)

Durissimo attacco di Steven Zhang al presidente della Lega Serie A Paolo Dal Pino

In tarda serata il numero uno dell’Inter ha postato nelle stories del proprio profilo (certificato) di Instagram un duro messaggio in cui dà del “più grande pagliaccio che abbia mai visto” all’uomo che ha deciso di non far giocare Juve-Inter ieri sera a porte chiuse, come precedentemente stabilito.

Il messaggio di Zhang jr., 29 anni, è durissimo, accompagnato da emoticon e in alcuni passaggi sgrammaticato. Ma soprattutto cozza con l’aplomb sempre dimostrato dal figlio di Jindong, fondatore dell’impero Suning. Ad ora comunque non è stato smentito dall’interessato. “Sei il più grande clown che abbia mai visto. 24 ore, 48 ore e 7 giorni, cos’altro? Quale è il tuo prossimo passo?”.

Comincia così il pesantissimo messaggio scritto su Instagram. “E tu parli di sportività, di campionato regolare – continua Zhang -? Cosa dici sul fatto che non proteggiamo i nostri giocatori e allenatori e chiedi loro di giocare 24 ore al giorno e 7 giorni su 7. Sto parlando a te, il nostro presidente di Lega, vergognati. È ora di alzarsi e prenderti le tue responsabilità. È così che si farebbe nel 2020. È un argomento per chiunque nel mondo, non importa se sei un tifoso dell’Inter o della Juventus. Per favore, stai attento! È la cosa più importante per te, per la tua famiglia e per la nostra società”. Un messaggio destinato a fare parecchio rumore. A meno che non si tratti di hackeraggio. Perché il profilo è sicuramente quello di Steven.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News