Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Amarcord

Amarcord, 6 marzo 2007. La Roma vola ai quarti di finale di Champions League grazie allo 0-2 contro il Lione (VIDEO)

Totti e Mancini regalano il passaggio del turno ai giallorossi. Si decide tutto nel primo tempo. La squadra di Luciano Spalletti torna a giocare i quarti di finale

Esattamente 13 anni fa, la Roma batteva agli ottavi di finale il Lione di Houllier. La sfida dell’andata all’Olimpico, terminata 0-0, aveva lasciato aperta qualsiasi possibilità: la sfida dello Stade de Gerland si dimostra quindi decisiva.

La Roma parte forte e subito cerca il gol per mettere al sicuro il risultato: il vantaggio arriva grazie ad un gol di testa di De Rossi su calcio d’angolo, ma la rete viene annullata ingiustamente dall’arbitro Mejuto per una spinta inesistente di Totti in area di rigore. La Roma non demorde e finalmente, al 22′, arriva il gol del vantaggio giallorosso: cross di Tonetto in area di rigore, Totti trova il tempo giusto e di testa insacca. La Roma, forte del gol in trasferta comincia a crederci e al 44′ trova il raddoppio grazie a Mancini: splendido cross di Cassetti che cambia gioco per favorire la manovra, Mancini stoppa e inizia una serie interminabile di doppi passi che mandano fuori giri Reveillere. Il brasiliano si libera dell’avversario e di sinistro, scarica una pallonata sotto al sette, dove Coupet non può arrivare. 2 a 0 e partita virtualmente chiusa.

Nel secondo tempo la Roma soffre: il Lione non ci sta e vuole provare a ribaltare il risultato. In più di un’occasione Doni compie il miracolo, riuscendo a parare l’impossibile e a mantenere la porta inviolata. Finisce 0-2 per la Roma, i giallorossi tornano a disputare i quarti di finale.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord