Resta in contatto

News

Burdisso: “De Rossi al Boca? Contributo grandissimo, farà una grande carriera fuori dal campo”

Le parole del dirigente argentino

Nicolas Burdisso, DS del Boca Juniors ed ex calciatore della Roma, ha parlato a Sky Sport 24:

Cosa ti ha spinto a diventare un dirigente?
“Un po’ la vocazione e la voglia di continuare nel calcio, ma anche la conoscenza di questo mondo. Ho un bagaglio che mi permette di lavorare. Mi piaceva ed ho avuto subito la possibilità di fare il direttore sportivo al Boca e non ho esitato”.

Tu hai portato De Rossi al Boca. Com’è andata questa avventura?
“La scelta di Daniele è stata calcistica per migliorare la squadra. Il tempo mi ha dato ragione ed il Boca ha vinto lo scudetto. Il contributo di Daniele è stato grandissimo grazie alla sua leadership. I suoi problemi fisici li avevo già considerati, quando ha giocato è stato importante. Alla fine ha scelto di tornare in Italia. Dall’esterno è stato bellissimo, abbiamo portato un grande campione. Daniele farà una grandissima carriera fuori dal campo”.

Dieci anni fa c’è stato Roma-Inter. Che ricordo hai di quella stagione?
“Quella giornata è indimenticabile come romanista, forti emozioni perché giocavo contro la mia squadra, i miei compagni, contro Mourinho. Quell’anno lottavamo contro l’Inter che era fortissima. Eravamo vicini ad uno scudetto storico. La cosa che mi rimane è la competizione. Quell’anno non abbiamo vinto, ma ho conosciuto un mondo nuovo. 10 anni dopo sarebbe stato bellissimo vincere lo scudetto. Ho un ricordo bello di Roma”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News