Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Fienga: “La Roma vuole terminare la stagione. La Lega? Unità sulla ripresa degli allenamenti”

Le parole del CEO giallorosso

Guido Fienga, CEO della Roma ha parlato ai microfoni di Sky Sport 24 dell’impatto economico del Coronavirus sulle società e della ripresa della stagione:

Qual è la posizione della Roma sulla ripresa degli allenamenti?”
“La posizione della Roma è quella di terminare questo percorso. Noi da subito stiamo oltremodo sensibili nel mettere al primo posto la tutela della salute di tutti. Ricordo l’episodio dell’incertezza sulla partita con il Siviglia dove abbiamo assunto una posizione molto forte. Come tutti, l’ambizione è quella di ritornare ad una nuova normalità, che non può che essere quella di prima, insieme però al Coronavirus”.

Com’è il quadro intorno alla Roma?
“Sono convinto dell’aiuto che il calcio può dare alla ripresa di questa nuova normalità. Penso che per tutte le attività produttive, riprendere in convivenza con il Coronavirus, significa riprendere con la possibilità di avere accesso facilitato e a basso costo a sistemi di diagnosi sicuri”.

Cosa è emerso dall’assemblea di Lega? Cosa si aspetta dal prossimo incontro il governo?
“Dall’assemblea è emersa un’unità assolutamente per la ripresa degli allenamenti. Molte volte si dà un’immagine fazione e di contrasto che invece è un male intendere un confronto che normalmente si ha tra club. La posizione della Lega è unita e compatta ed è quella di lavorare per risolvere i problemi e per essere pronti quando le autorità ci diranno che possiamo ripartire. Dalla riunione di domani mi aspetto che ci sia un confronto costruttivo e che non sia semplicemente un confronto solo sulla data ma su cosa si può fare insieme tra istituzioni e calcio e su quale può essere il contributo di quest’ultimo. La ripresa del campionato ci leverebbe tanta angoscia”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra