Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Alessandro Gassmann: “Zaniolo il giovane italiano più forte”. Leo: “Totti un simbolo di Roma”

Le parole dei due celebri tifosi giallorossi

Alessandro e Leo Gassman, tifosi della Roma, sono intervenuti a Sky Sport e hanno parlato della loro squadra del cuore:

Quanto vi manca vedere la Roma?
Leo: “Parecchio, il calcio è qualcosa che ti lega agli altri, la Roma ci ha sempre regalato molte emozioni nonostante ci faccia soffrire moltissimo. Non ho mai visto uno scudetto della Roma, ma è sempre la Roma, papà mi portava allo stadio quand’ero piccolino”.
Alessandro: “Mio padre era genoano, trasformatosi in romanista, io ho avuto la fortuna di vivere due scudetti e parecchie Coppe Italia. In questo periodo sto pensando a quello che fanno i calciatori, deve essere durissimo soprattutto per un giovane che sta esplodendo non poter scatenare i cavalli sul campo. Le carriere sportive hanno una durata limitata, a loro va il mio abbraccio nella convinzione che riusciranno a dimostrare sul campo le loro qualità. Penso anche agli infortunati che stanno recuperando, come Zaniolo che secondo me è il giovane italiano più forte”.

Avete pianto di più all’addio di Totti o di De Rossi?
Alessandro: “Non credo di poter fare una classifica. Sono due esempi importanti per il calcio, due giovani che iniziano con grande talento, riescono a giocare nella squadra del cuore, non cambiando mai maglia, credo che siano due esempi meravigliosi. Totti è il più forte giocatore che ho visto giocare, resta per sempre il mio capitano”.
Leo: “Sono d’accordo con papà, De Rossi e Totti hanno fatto la storia della Roma. Totti è quello che ogni bambino finge di essere quando sta al parco a giocare a palla, quando fai la telecronaca. Totti è un simbolo di Roma per tutti”.

Come ve la cavate a calcio?
Leo: “Me la cavo in difesa. Ho giocato a rugby, faccio molte scivolate. Interventi puliti alla Mexes, magari”.
Alessandro: “Sono il classico pippone. 46 e rotti di piede con un passato da cestista mediocre. Ho poche chance, me la cavo meglio col nuoto. Da giovane ero bravino a tennis. Io come Crouch? Non la prendo comunque: da ragazzo mi schieravano centravanti, quando però videro che non la prendevo diventai la classica ala che non riceveva mai il pallone”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News