Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Bordalas (All. Getafe): “Allenare la Roma? Sarebbe un onore. Inter-Getafe? Nerazzurri favoriti”

“La Roma può arrivare in fondo in Europa League”

Intervenuto sulle frequenze di Teleradiostereo, Josè Bordalas, tecnico del Getafe, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni:

Qual è la situazione in Spagna sul fronte contagi?
Ora fortunatamente va molto meglio, la situazione è cambiata nelle ultime settimana, sono calati i contagi. Noi ci stiamo già allenando per riprendere il campionato, fortunatamente il peggio sembra essere alle spalle.

Contenti per la ripresa o c’è comunque preoccupazione?
La preoccupazione del virus ce l’abbiamo tutti, ma col passare dei giorni la situazione è più tranquilla. Siamo contenti di aver iniziato gli allenamenti, stiamo osservando l’iter stabilito dalle istituzioni e stiamo prendendo tutte le precauzioni del caso per lavorare in sicurezza.

Come allenatori, siete arrabbiati di non essere stati ascoltati dalle istituzioni?
Si, siamo dispiaciuti, sorpresi, potevamo essere utili col nostro pensiero, anche perchè siamo noi ad andare in campo coi nostri ragazzi, ci potevano ascoltare benissimo, ma cosi non è stato.

Inter-Getafe in Europa League: meglio giocarla in una gara unica o preferirebbe disputare la doppia partita?
Siamo felici di essere dove siamo, per noi è incredibile. L’inter è favorita, ha una rosa formidabile, ha grande blasone, una storia splendida, una bella tifoseria. Vorrei che si giocasse normalmente, col doppio incontro, ma non sappiamo cosa deciderà la Uefa. Se ripeteremo l’impresa con l’Ajax? Un’altra squadra forte, è stata una doppia sfida durissima e lo sarà anche con l’Inter.

Nello stesso turno si giocherà Roma-Siviglia: chi è favorito?
Due grandissime squadre, la Roma è una formazione meravigliosa, sarà un’eliminatoria difficile per entrambe. Il Siviglia è terzo in classifica, stava vivendo un gran momento prima della pausa, ma anche la Roma è molto forte, bisogna tenere in considerazione i giallorossi per la competizione, possono arrivare in fondo.

Il suo contratto col Getafe finisce nel 2022: resterà in azulones o cambierà panchina? Esperienza in Italia?
Sono molto felice nel Getafe, è la mia quarta stagione, abbiamo fatto un grande lavoro. Come professionista lavoro per essere chiamato da un club importante, è questo il mio obiettivo. La Serie A mi incanta, perchè amo l’Italia, come amo la sua gente e sarebbe bello lavorare lì da voi.

Il suo soprannome è “El Romano”: come nasce e da dove viene il suo amore per Roma?
Sono sempre stato affascinato la storia dell’antica Roma, della città, ho anche un tatuaggio su Roma. Ne sono innamorato e per questo i miei ex compagni mi chiamavano cosi, ma forse anche perchè ero scarso ma lottavo tanto (risata, ndr).

Amore per Roma: battuta, le piacerebbe allenare i giallorossi un giorno? 

Sarebbe un qualcosa di incredibile allenare la Roma, sarebbe un onore. Per me sarebbe un sogno perchè amo la città e il club ha una grande storia.

Cucurella, suo giocatore al Getafe, potrebbe interessare alla Roma e al Napoli: è pronto al grande salto?
E’ un giocatore con un grande futuro, è pronto per giocare in un club importante. Ha grande personalità, ha carattere, è intelligente e ha tutte le qualità per essere ingaggio da una squadra di alta classifica.

La Roma ha tre spagnoli: cosa pensa di loro?
Tre giocatori magnifici, non è facile giocare in Serie A, specialmente in club come le Roma dove ci sono tante pressioni. Magari avessi io Pau Lopez, Villar e Perez al Getafe…

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News