Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Longo: “Anche contro la Roma siamo stati in grado di lottare fino all’ultimo”

Parla il tecnico granata al termine di Torino-Roma: “Non molleremo neanche nell’ultima partita”

Il Torino cade nel proprio stadio contro la Roma: 3-2 per i giallorossi che si assicurano il quinto posto e la qualificazione ai gironi di Europa League. Il tecnico dei granata, ormai certi dell’aritmetica salvezza, Moreno Longo ha parlato al termine della sfida contro la squadra di Fonseca. Ecco le sue parole…

Longo a Sky

Sul suo futuro?

“Sono del parere che il gruppo è sano e vivo, perché anche oggi contro la Roma, che è una squadra forte, è stato in grado di lottare fino all’ultimo, di rispondere colpo su colpo con quelle che erano le energie rimaste. Non molleremo neanche nell’ultima partita, cercando di fare punti, perché quando non vinci c’è il rammarico della sconfitta”.

Cos’è successo con Edera e Millico?

“È stato un provvedimento disciplinare. Chi mi conosce sa che penso che i giocatori e gli allenatori vanno e vengono, ma le società vanno rispettate e per questo ho preso questa decisione. Si tratta di giovani, penso che questo possa servire a loro per crescere e migliorare, ma su alcune cose non si può passare sopra”.

Ancora sul caso con i giovani…

“Inutile entrare nei dettagli, i panni sporchi vanno lavati in casa, io mi auguro che loro abbiano capito”.

Ancora sul suo futuro…

“Sono orgoglioso intanto di quello che ho fatto, raggiungendo un obiettivo importante, che permette alla società di riprogrammare la stagione in Serie A, in un contesto importante. La salvezza non era scontata. La società sta facendo le sue valutazioni, se mi dovessero chiamare è giusto che loro ascoltino anche le mie idee, bisogna lavorare in due. Se invece dovessero virare su altre scelte, da parte mia ci sarà un ringraziamento per questa possibilità e l’orgoglio per aver portato questa squadra alla salvezza”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News