Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Perotti ha scritto un pezzo di storia

Diego Perotti

Perotti è salito sul palcoscenico, ballando il solito tango ipnotico degli argentini

Lo ha fatto in una serata dove Fonseca ha schierato la Roma bis per risparmiare energia contro il Siviglia, e lo ha fatto con una doppietta allo Stadium e la fascia al braccio.

A fine gara ha dichiarato:“Abbiamo fatto una bella partita, ottenendo una vittoria di carattere, rispondendo al loro gol. Tutti i giocatori che oggi sono entrati in campo, che hanno avuto mento minutaggio nel corso del campionato, hanno dimostrato al mister che può contare su di noi e questo è importante in vista dell’Europa League. Ho giocato poco fino a questo momento, ho davanti un grandissimo giocatore come Mkhitaryan, che ha fatto una grande stagione, quindi dovevo approfittare dei minuti che mi dava il mister. Era molto importante oggi per tutti noi, per dimostrare che ci siamo, che siamo pronti. Per il mister pensare che in panchina ha ragazzi che hanno voglia è importante”.

Tutti danno per certa la sua partenza, probabilmente all’Al Shabab che ha già formulato un’offerta. Solo due giocatori intanto avevano segnato una doppietta in casa della Juve: Di Benedetti nel 1936 e Da Costa nel 1957. Il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa