Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

La nuova Roma con il rebus ds

I progetti sono delineati

Ora bisogna capire soltanto chi li metterà in atto. Aspettando il closing e la conseguente convocazione dell’assemblea nella quale sarà rinnovato il CdA, a Trigoria rimangono in una posizione d’attesa. In primis il Ceo Fienga, da più parti considerato il trait d’union tra Pallotta e Friedkin ma che paradossalmente, nella classe dirigente giallorossa, è l’unico con il contratto in scadenza a ottobre. Proprio per questo motivo, l’urgenza tecnica legata al campo (assunzione del nuovo direttore sportivo) è stata rimandata a dopo l’ingresso del nuovo proprietario. Gli scenari all’orizzonte sono tre.

Due parlano italiano, l’altro potrebbe anche valicare i confini nazionali. Il primo vedrebbe affidati i poteri a Fienga che verrebbe dunque confermato con il contratto rinnovato. L’attuale Ceo ha in mente un programma triennale e preferirebbe affidarsi a una soluzione italiana.

Il suo sogno rimane Paratici che ha però già fatto sapere che, in caso di divorzio dalla Juventus, amerebbe un’avventura all’estero. E così l’interesse è stato dirottato su altre due figure. Si tratta di Giuntoli (Napoli) e Ausilio (Inter). Il secondo scenario vedrebbe invece Friedkin continuare con Fienga senza però rinnovargli il contratto. Una soluzione tampone. La pista straniera invece riguarda alcuni intermediari che avrebbero contattato Planes nei giorni scorsi (segretario tecnico del Barcellona). Scrive Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa