Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Dzeko piace alla Juve e Fienga tratta per Milik. Il mercato si fa a Londra

Pressing per Smalling e interesse per Milik: il viaggio a Londra di Fienga è legato a due possibili operazioni in entrata

Quella che porta al difensore dello United, ed è vincolata alle pretese del club di Manchester  – che continua a chiedere troppo per il ragazzo (una ventina di milioni più bonus) – e quella per avvicinarsi all’attaccante del Napoli. La Roma tratta Arkadiusz Milik con i partenopei, all’interno di una trattativa in cui può sfruttare il trasferimento alla corte di Gattuso di Under.

Non di Veretout, comunque molto corteggiato dal Napoli, ma considerato da Fonseca troppo importante per il suo gioco. In mezzo alla trattativa ballano una ventina di milioni, cifra che il Napoli vorrebbe come conguaglio economico, mentre la Roma la ritiene troppo alta e vorrebbe fare uno scambio praticamente alla pari.

Operazione che dovrebbe però passare per una cessione di Edin Dzeko, finito nel mirino anche della Juventus, oltre che dell’Inter, anche se i club interessati non hanno ancora formulato alcuna offerta ufficiale. Il ds dei bianconeri, Paratici, anche lui a Londra in queste ore, sta cercando un attaccante e sembra aver intavolato un discorso con lo stesso Milik, ovviamente molto attratto dall’idea di un trasferimento a Torino.

L’ingaggio percepito da Dzeko – che è rientrato nella Capitale due giorni fa ed è in attesa della nascita del terzo figlio – spaventa gli acquirenti, ma l’attaccante, preoccupato dal progetto dei Friedkin, che per il momento non prevede rivoluzioni tecniche, potrebbe decidere di andare a rigiocare la Champions e la possibilità di vincere lo scudetto in un altro club, anche a una cifra più bassa. La Repubblica.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa