Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

I tifosi romanisti aggrappati ad Amra

Il destino di Dzeko è ancora tutto da scrivere

La Roma continua a lavorare intensamente sul mercato anche se la giornata di ieri non ha portato ad alcuna fumata bianca. Sono stati fatti dei grandi passi avanti, però, sul fronte che coinvolge Dzeko, Milik, Under e Riccardi. Vicinissimo alla conclusione, poi, la trattativa che sta per portare Kolarov all’Inter: ciò che manca per l’ufficialità sono le visite mediche di rito e l’intesa tra le due società. La Roma chiede un indennizzo di due milioni di euro mentre i nerazzurri offrono poco più di un milione. Basterà uno sforzo da una parte e dall’altra per arrivare a dama. La Roma si libererà di un ingaggio da 3 milioni di euro netti a stagione ed farà una plusvalenza di circa un milione di euro.

Tornando al valzer delle punte il CEO Fienga ha registrato importanti aperture da parte di Milik. L’attaccante oggi partirà per il ritiro della nazionale, ma ha cominciato a capire che la Juventus lo ha sedotto e poi abbandonato. Con l’entourage del 99 c’è già un accordo di massima per un contratto a 4,5 milioni di euro e si aspetta che Milik si convinca a premere sull’acceleratore. Tutto definito con il Napoli a cui andranno Under e Riccardi che avranno una valutazione complessiva di 40 milioni di euro.
Passi in avanti anche per Dzeko-Juventus che ha garantito un biennale a 7,5 milioni di euro netti. Va trovata l’intesa tra i club e si ragiona su 10 milioni più 2 di bonus con l’inserimento di alcuni giovani: totale 18 milioni di euro. Il capitano romanista deve inoltre vincere la resistenza della moglie Amra. Lo scrive “Il Tempo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa