Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

La “solitudine” di Fonseca: ha 13 giocatori in meno

Il tecnico giallorosso al lavoro con una rosa ridotta

Lo scorso anno c’erano sempre Fienga e Petrachi al suo fianco. Quest’anno, invece, la situazione per Paulo Fonseca è molto diversa, visto che Fienga fa la spola tra Roma e Milano, mentre Petrachi non c’è più. E con lui neanche un nuovo d.s. Così Fonseca sta vivendo in «solitudine» questo inizio della sua seconda stagione in giallorosso, anche se poi ci sono delle cose che gli danno fiducia e gli hanno fatto capire che è solo un momento.

A Trigoria Morgan De Sanctis cerca di fargli sentire tutta la vicinanza del club. A complicare i piani del portoghese, poi, ci si è messo pure l’esodo dei nazionali, con ben 13 giocatori che hanno lasciato la truppa giallorossa. Nel frattempo ieri l’allenatore della Roma ha commentato così il calendario della Serie A: “È un inizio complicato, anche il termine del campionato è difficile. Ma dobbiamo pensare una gara alla volta”. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa