Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Burdisso: “Roma, il futuro è tuo. Totti era un leader tecnico, De Rossi la voce più ascoltata nello spogliatoio”

“La Roma fu una mia scelta, mai rimpianto di aver lasciato l’Inter”

Nicolas Burdisso, ex difensore della Roma, è stato intervistato dal Corriere dello Sport ed è tornato anche sul futuro della squadra giallorossa. Queste le sue parole:

Il legame con la Roma è rimasto molto forte…

La Roma fu una scelta tutta mia. Con Mourinho giocai in più posizioni, a sinistra, al centro, un paio di volta anche da centrale di centrocamp. Ma sentivo che il mio ruolo era quello di centrale difensivo. La Roma mi diede l’opportunità di mettere le radici nel luogo che preferivo. Anni bellissimi, uno splendido rapporto con la tifoseria, mi ricorda quella del Boca.

La stagione seguente l’Inter fece il triplete…

Non ho mai rimpianto quella scelta.

Nei mesi scorsi sei stato chiamato da Franco Baldini…

Conosco tropop bene l’ambiente romano e voglio essere chiaro, evitare equivoci. Non ho intenzione, né bisogno, di propormi. Non inseguo una visibilità priva di significato. Franco mi telefonò e mi chiese se fosse disposto a fare il diesse nel caso in cui Petrachi fosse andato via. Verrà il tempo, forse.

Totti e De Rossi erano così influenti all’interno dello spogliatoio?

Francesco era un leader tecnico, i problemi della squadra li risolveva sul campo. Daniele era la voce più ascoltata nello spogliatoio. Due campioni, due positivi, ci saremo scontrati mille volte.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa