Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Pirlo: “La Roma attacca con tanti giocatori, sapevamo sarebbe stata difficile”

“Abbiamo giocato contro due squadre con due sistemi completamente diversi”

Al termine di Roma-Juventus, terminata 2-2 all’Olimpico, il tecnico dei bianconeri Andrea Pirlo ha parlato a Sky Sport.

Ecco le sue parole.

Partita diversa rispetto a quella con la Sampdoria…Dipende dall’avversario?
“Abbiamo giocato contro due squadre con due sistemi completamente diversi. La Roma attaccava con tanti giocatori come noi e sapevamo sarebbe stata difficile”.

Un passo indietro dal punto di vista della qualità del gioco?
“Si abbiamo fatto un passo indietro ma siamo una squadra in costruzione. Purtroppo non abbiamo avuto tempo nel precampionato per preparare gli schemi, ma oggi è un punto guadagnato, chi è entrato ha fatto bene non dimentichiamoci che i giocatori non giocavano da tanto”.

Cambiamenti in attacco oggi, Morata non ha fatto benissimo…
“Volevamo sfruttare l’uno contro uno davanti perché loro portavano tanti giocatori in avanti ma non è andata molto bene. Sapevamo che saremmo andati incontro a delle difficoltà contro una squadra che ha tanta qualità”.

Le azioni dalla difesa non fluide?
“Non siamo ripartiti sempre benissimo, queste sono situazioni che stiamo provando”.

Farai sempre il centrocampo a 2 o proverai anche a 3?
“Rabiot e McKennie devono giocare a 2, dobbiamo sfruttare le caratteristiche dei giocatori che abbiamo, non abbiamo registi o mezzali”.

Di quanto tempo hai bisogno?
“Non abbiamo avuto tempo di provare, queste situazioni vanno provate in partite ufficiali. Morata è arrivato due giorni fa, Arthur era fuori da 6 mesi e deve adattarsi al calcio italiano, gli serve tempo a lui così come per Bentancur che sta cominciando a stare meglio”.

Ti aspettavi una Roma che concedesse più campo?
“Sapevamo che la partita poteva andare in questa maniera, loro hanno difensori molto aggressivi. Abbiamo sbagliato a muovermi, la Roma ti lasciava tutta la metà campo, se fossimo riusciti a sfalsarli avremmo potuto attaccare meglio”.

La rosa dell’Inter è superiore a quella della Juventus?
“Non lo so, sicuramente si sono rinforzate con gente di qualità. La Juventus ha tanti giocatori bravi e di qualità, ce la giocheremo fino alla fine. Quest’anno saranno importanti le sostituzioni, chi è entrato lo ha fatto nel modo giusto e ha cambiato la partita”.

Ronaldo può migliorare sulle punizioni?
“Oggi non c’è stata occasione, l’importante è che faccia gol. Siamo contenti di averlo per quello che fa, ha corso quasi di più in 10 vs 11 ed è stata una bella cosa”.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News