Resta in contatto

Rassegna Stampa

Friedkin dà scacco a Pallotta in 2 mesi

Friedkin in controtendenza con la gestione precedente

Senza la voglia di apparire, ma con una presenza stabile, i Friedkin si sono impossessati della Roma e passo dopo passo provano a dare la loro impronta. Chi li vive quotidianamente racconta: “Questi signori non sono interessati ad apparire, non vogliono ingraziarsi i giornalisti, vogliono solo ottenere risultati“. Risultati sportivi ed economici, con un aumento di capitale da fare, provando a riportare i tifosi dalla parte della società, anche con piccoli gesti come il vecchio stemma che ritornerà sulla seconda maglia del prossimo anno. La presenza fissa a Trigoria ed alle partite. Contro lo Young Boys sarà la quinta allo stadio per Dan e Ryan, mentre Pallotta ha dovuto aspettare quasi tre anni per collezionare cinque apparizioni in tribuna.

Dall’uscita dalla Borsa all’incontro con la Raggi, fino alla ricerca dei dirigenti fatta in prima persona, senza più delegare a terzi, ma guidando la Roma. Una delle differenze poi si è vista nel mercato, dove sono stati trattenuti i gioielli migliori, con l’inserimento contemporaneo di rinforzi a costi sostenibili. Ora si cercano due figure che abbiano esperienza e carisma nel mondo del calcio: un direttore generale e un direttore sportivo. Qui l’unico punto di contatto con Pallotta, perché sarà il dg ad indicare il ds, come Baldini fece con Sabatini. Fienga lavorerà per la Roma fino all’aumento di capitale del prossimo anno, poi si confronterà con i Friedkin. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa