Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Alla difesa serve la guida esperta. Smalling c’è e si scalda per giovedì

Il maggior indiziato a lasciare il posto al difensore inglese è Kumbulla

La Roma lo ha inseguito per tutta l’estate, è riuscita ad acquistarlo proprio negli ultimi minuti di mercato, ma finora non ha mai potuto utilizzarlo. Chris Smalling ha aspettato la Roma tutta l’estate, è rimasto in vacanza in Italia.

Pochi giorni prima dell’esordio contro il Benevento si è infortunato al ginocchio sinistro in allenamento e ora sperare di poter fare l’esordio stagionale giovedì contro il Cska Sofia. Lo spera Fonseca, che domenica ha annunciato di poter contare sull’inglese.

Le sue condizioni verranno valutare nei prossimi giorni, quando proverà a forzare, poi bisognerà capire la tenuta, perché l’ultima partita ufficiale l’ha giocata quasi tre mesi fa, il 1 agosto contro la Juve. Nella partita di giovedì mancherà ancora Mancini, che deve scontare la seconda giornata delle tre di squalifica.

Il ricorso per avere una riduzione del provvedimento sarà discusso oggi e a Trigoria c’è la speranza di ottenere lo sconto di un turno. Smalling contro il Cska Sofia potrà riprendere il suo posto lasciato ad agosto, ma se i tempi fossero più lunghi, al massimo l’inglese sarà disponibile per la gara di domenica contro la Fiorentina.

Il maggior indiziato a lasciare il posto a Smalling è Kumbulla, ma l’albanese in questo inizio di stagione ha dimostrato di poter entrare in concorrenza per il posto  da titolare. Si legge sul Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa