Resta in contatto

Mimmo Ferretti

Cluj-Roma 0-2: Veretout promuove la Roma. Le pagelle di Mimmo Ferretti

La Roma si qualifica ai sedicesimi di finale di Europa League

PAU LOPEZ   6+

Trascorre il primo tempo a prender freddo, senza mai dover fare un intervento degno di questo nome. Due paratelle a terra su altrettanti tiri da lontano, nella ripresa. Tranquillo.

SPINAZZOLA   6+

Difensore centrale improvvisato, e sul centro-destra, interpreta il ruolo in maniera estremamente dinamica. Gli riesce quasi tutto, in questo periodo. Eclettico.

CRISTANTE    6,5

Dà l’idea, lì in mezzo alla difesa, di avere le idee chiare (talvolta anche un filo di confidenza di troppo…) su come proteggere la porta di Pau Lopez. E, palla al piede, nella prima frazione tenta spesso di saltare il centrocampo. Sereno.

JESUS   6+

Un po’ di fisico, un po’ di esperienza non barcolla praticamente mai, a sinistra. Con Spina fuori, si sposta bene a destra. Affidabile.

BRUNO PERES   6

Prova molto a giocare da ala destra, ma spesso la palla – passando tra i suoi piedi – non fa la cosa giusta. Non per colpa della palla, però. Chiude a sinistra, pappandosi un gol facile facile. Sciupone.

DIAWARA   6

Gara tattica, la sua. Pensa più a regalare equilibrio alla squadra che a guidarla in fase di possesso palla. E a far fiato. Recuperato.

VILLAR   6+

Fatica, nella prima frazione, a entrare con personalità nei meccanismi del gioco. Decolla, anche se non in maniera vistosa, nel secondo tempo a colpi di classe. Un piccolo passo in avanti.  

CALAFIORI   6+

Quinto a sinistra, deve pensare poco alla fase difensiva pura e può così dedicarsi a quella offensiva. Con alterni risultati, nei primi quarantacinque minuti. Ultima mezzora di gioco da centrale di sinistra. Esame superato, all’esordio in Europa. 

CARLES PEREZ   5,5

Timido, spesso assente, talvolta distratto: apporto minimo, il suo, nella prima frazione. Non tanto di più prima del cambio. Involuto. 

PELLEGRINI   6+

Per la prima volta titolare dopo aver superato il Covid, giostra a tutto campo con personalità e la solita qualità. La condizione atletica lo assiste, così regala tante belle sensazioni. Nell’intervallo, resta negli spogliatoi. 

BORJA MAYORAL   6+

Si fa vedere, si propone di sponda, gioca anche per la squadra ma gli arrivano pochi palloni. Uno, un po’ così così, lo calcia addosso alle braccia del portiere avversario. Più pericoloso nella ripresa, dopo il gol del vantaggio: altra parata di Balgradean. Volitivo.

VERETOUT   7

Rileva, in avvio di ripresa, Pellegrini. Gli bastano pochi secondi per determinare su calcio di punizione l’autogol di Debeljuh. E poi firma il gol del raddoppio dagli undici metri. Il tutto terminando la sua gara addirittura da quinto a destra. Decisivo.

DZEKO  6-

Al posto di Borja Mayoral dopo un’ora abbondante di gioco. Si fa notare solo per un “giallo” puerile.

MKHITARYAN   6

Entra al posto di Spinazzola, ma – ovviamente – fa l’attaccante. E rimedia in un attimo il calcio di rigore realizzato da Veretout.

MILANESE   SV

Per Diawara, che era al rientro da titolare dopo il Covid, a un quarto d’ora dalla fine. Bell’assist per Bruno Peres, che spreca in malo modo.

TRIPI   SV

Esordio tra i grandi al posto di Carles Perez per il capitano della Primavera, classe 2002. Si piazza a centrocampo, il suo reparto. Una bella soddisfazione per lui e per il settore giovanile della società.

FONSECA   7+

Formazione inedita, per certi versi forzatamente improvvisata nel reparto difensivo. Lui ruota uomini e schemi, si inventa cose a raffica e la squadra lo segue centrando la quinta vittoria consecutiva tra campionato e coppa. E il passaggio del turno è archiviato con due gare di anticipo. Complimenti. 

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Continua la guerra feretti vs dzeko… A me borja piace ma ieri è stato anonimo , mettergli un piú rispetto a dzeco bisogna proprio essere ciechi o avere dei livori personali, è da un po di tempo che questo giornalista batte su questo punto , la partita del bosniaco con tutto il giallo è stata superiore a quella dello spagnolo, basta vedere l’episodio del rigore ed un’altra giocata simile fatta sempre dal cigno di Sarajevo , basterebbe questo per far capire la differenza anche ai piú ottusi . Come era stata superiore a suo tempo la partita di edin, sempre… Leggi il resto »

Advertisement

Daniele De Rossi

Ultimo commento: "La seconda icona dopo il Capitano!"

Francesco Totti: uomo, capitano e leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo capitano!"

Giuseppe Giannini

Ultimo commento: "Grande Principe!"

Agostino Di Bartolomei

Ultimo commento: "Agostino DIBBBA il capitano di quando ero bambino..il primo capitano che ho visto allo stadio !!forse per questo ho un ricordo speciale!!!assurdo come..."

Nils Liedholm

Ultimo commento: "Gli anni della Magica... indimenticabili momenti di sport ancora genuini con un allenatore maestro in tutti i sensi un grazie grande e sentito......"
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

Altro da Mimmo Ferretti