Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Napoli scatenato: poker alla Roma. Insigne, punizione alla Maradona e bacio alla maglia

Il Napoli si rimette in piedi in classifica. La Roma non si presenta proprio

Non poteva che essere un tango pieno di malinconia a restituire al Napoli vittoria e consensi, gol e conforto dopo la commozione. Azzurri vestiti come l’Argentina in uno stadio vuoto di persone ma pieno di cuori e pieno di Maradona, nell’arena che prenderà il suo nome al posto del santo. Quando segna Insigne, su punizione arcuata, va a prendere la sua maglia.

Il Napoli si rimette in piedi in classifica, inserendosi nel gruppo delle inseguitrici del Milan. La Roma non si presenta proprio: arriva la prima sconfitta stagionale dopo cinque successi consecutivi. Un solo tiro in porta, nessuno da salvare e anche la zavorra di due infortuni nel primo tempo (Mancini e Veretout). Proprio a Napoli Fonseca perse per l’ultima volta in campionato, 16 partite fa.

La Roma perde del tutto l’immagine della sicurezza, forse perché manca ancora Smalling e salta pure Mancini. E’ passiva a centrocampo e non innesca il trio avanzato con il rientrante Dzeko, che non ha aiuti da Mkhitaryan e Pedro, al di sotto dei livelli eccelsi recenti. Anche i cambi non fanno cambiare l’umore a Fonseca, il Sassuolo domenica dirà se è stata solo una notte storta. Si legge su La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa