Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

La Roma torna alla vittoria tre giorni dopo la sconfitta di Bergamo e chiude questo maledetto 2020 da sola al terzo posto in classifica

Non è stato facile contro la squadra di Di Francesco, che all’inizio della partita ha messo in difficoltà la Roma. Gli uomini di Fonseca hanno avuto un calo nel primo quarto d’ora del secondo tempo, ma dopo che Joao Pedro ha annullato il vantaggio di Veretout hanno avuto la forza di tornare in vantaggio in vantaggio con i gol di Dzeko e Mancini. Un terzo posto che restituisce convinzione alla Roma, in un campionato incertissimo come questo. Era importante la reazione dopo il tracollo contro l’Atalanta e c’è stata.

Alla Roma sono mancati gli uomini migliori, a cominciare da Pedro, la brutta copia dell’attaccante sgusciante ammirato dall’inizio della stagione. Ieri non è riuscito a sfruttare due buone occasioni. Dzeko ha segnato un gol importante, ma è rimasto spesso molto lontano dalla porta, preoccupandosi soprattuto di aprire spazi per i compagni. All’11 Veretout firma il vantaggio. Partita in pugno dopo pochi minuti, ma poi si è rivisto lo stesso copione di Bergamo: tre grandi parate di Cragno. Intanto il Cagliari stava crescendo: organizzato intorno a Marin, play che ha dato tempi e idee alla squadra.

Nella ripresa Di Francesco ha cercato di approfittare del calo evidente della Roma: ha alzato il baricentro, ha portato Joao Pedro più vicino a Simeone. Il centravanti è stato è più pericoloso rispetto al primo tempo, ha impegnato Mirante, ha dato a Joao Pedro il pallone che ha permesso al Cagliari di riaprire la partita. Questa volta Fonseca è intervenuto tempestivamente con i cambi per corregge una squadra che si stava smarrendo. L’ingresso in campo di Pellegrini, al posto dell’innocuo Pedro, ha aggiunto vivacità. Smalling e Ibanez hanno puntellato la difesa. Al 26′ il brasiliano ha lanciato Karsdorp, il cross dell’olandese ha trovato Dzeko pronto in area per il gol che ha scacciato i fantasmi. Tre minuti dopo la terza è stata costruire proprio dai giocatori appena entrati: calcio d’angolo di Pellegrini, torre di testa di Smalling per Mancini. Il Corriere dello Sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Le parole dell’ex terzino giallorosso alla vigilia del derby Si presentò in Italia con il...

Mourinho potrebbe schierare un attacco tutto tinto d’azzurro più qualcuno negli altri ruoli La Roma degli italiani....

Il reparto arretrato sotto osservazione dallo Special One Ibanez è stato uno dei migliori in...

Dal Network

Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata storica...
Si affrontano due nazioni di grande tradizione, anche se negli ultimi anni il parco giocatori...
E’ calato il sipario sulla sessione invernale di calciomercato. Dopo le 20:00 di ieri, 1...