Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

De Rossi: “Un giorno vorrei tornare in Argentina per allenare il Boca”

“Mi manca il Boca, mi manca l’Argentina. Ho adorato tutto quello che ho fatto. Mi sono divertito ogni minuto al Boca”

Intervistato da ESPN, Daniele De Rossi è tornato a parlare della sua breve esperienza al Boca Juniors, in Argentina.

Le sue dichiarazioni: “Mi manca il Boca, mi manca l’Argentina. Ho adorato tutto quello che ho fatto. Mi sono divertito ogni minuto al Boca. Non ho lasciato tutto  quello che volevo lasciare e fa male. Sono arrivato senza una preparazione e volevo giocare come se avessi 27 anni e non è stato così. Ho rinunciato a tutto per essere pronto ma dopo il primo infortunio ho provato a tornare velocemente e mi sono infortunato di nuovo. Mi hanno offrirono di continuare ancora qualche mese, soprattutto Riquelme, gli spiegai la mia situazione e il fatto che ci sono questione private. Lo hanno capito e rispettato, la mia famiglia aveva bisogno di me e ho dovuto scegliere. Ho parlato due volte con Roman, la sua visione del calcio è simile alla mia. Ero sicuro che avrebbe fatto una gran lavoro. Mi ha lasciato una buona impressione e hanno fatto una grande stagione, non pensavo che il River avrebbe perso punti e che perdesse il campionato. Vorrei tornare come allenatore al Boca, ma è presto per pensarci.

Sul calcio argentino
“Pensavo che il calcio argentino fosse molto indietro, invece ho trovato un calcio molto degno. Ci sono giocatori molto istintivi. Il livello è molto alto, i giovani hanno grande passione, qualcosa di diverso dagli italiani “.

Su i grandi allenatori che ha avuto
“Tutti mi hanno lasciato cose importanti. Alcuni mi hanno lasciato cose che non dirò. Dobbiamo imparare dagli errori degli altri e dai nostri. Quello che però mi ha fatto innamorare in campo è stato Luis Enrique. Un allenatore semplice come persona ma con un codice. Lui mi ha insegnato a gestire il gruppo, rispettare l’allenatore e i compagni. E a gestire la palla in campo, anche se avevo già 30 o 29 anni. Poi ho passato anni bellissimi con Spalletti o Conte che sono fenomeni in panchina”.

Sul calcio argentino
“Pensavo fosse molto più indietro, sia tatticamente che tecnicamente, ma anche i campi, gli stadi. E invece ho trovato un calcio dignitoso. In Italia abbiamo stadi che cadono a pezzi e squadre che non si possono vedere per quanto giocano male”.

Sulla scomparsa di Maradona
“Penso che l’abbiamo presa tutti allo stesso modo. Chi lo conosceva, i suoi amici, chi condivideva le cose con lui, è rimasto molto più ferito di noi. Ero qui dove sono ora quando mi hanno chiamato dicendomi fosse morto ma ho pensato fosse una notizia solo dei giornali, ma non la verità. Pensavo gli stessero rompendo le scatole”.

Sulla figura di Carlos Bianchi
“L’idea che hanno a Roma di Carlos Bianchi non è la stessa cosa degli argentini. Ha avuto problemi con Totti e alla Roma è una cosa che pesa. È un Dio per noi. È come Riquelme o Maradona in Argentina. Al di là dei risultati, per Bianchi è il rapporto con Totti che ha pesato. Ma io ho grande rispetto per lui”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News