Resta in contatto
Sito appartenente al Network

L'angolo dell'avversario

Italiano: “Mi aspetto una Roma arrabbiata, dovremo cercare di ribattere colpo su colpo”

Le parole del tecnico dello Spezia

Vincenzo Italiano, allenatore dello Spezia, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della gara di Coppa Italia, come riportato da Calciospezia.it.

Facciamo un passo indietro: soddisfatto della partita contro il Torino?
“La partita contro il Torino è stata una partita che è normalissimo non averla preparata per come è venuta fuori. Dal momento in cui cui rimani in dieci, con una difficoltà enorme, ti devi adeguare e cercare di lavorare in maniera diversa rispetto a come sei abituato. Abbiamo lavorato tanto nel concedere poco, abbiamo abbassato il baricentro per non concedere all’avversario e abbiamo fatto una partita diversa, di sacrificio, attenzione e abbiamo fatto una grande gara sotto questo punto di vista. In dieci uomini, portare a casa un pareggio rischiando anche poco, ci dà grande soddisfazione. E’ bello gioire alla fine e chiaramente credo che il punto sia più che meritato”.

In Coppa tornerà Vignali: che soluzioni avrà per il ruolo di terzino destro, visto anche l’infortunio prolungato di Ferrer?
“Innanzitutto bisogna fare i complimenti a Giulio Maggiore per la grande intelligenza avuta nell’applicarsi in quel modo in un ruolo non suo, anche se ogni tanto in allenamento ne parliamo e ogni tanto abbiamo lavorato in quella zona. In un momento di necessità abbiamo optato per quella soluzione. Domani sfrutteremo Vignali e per sabato vedremo quale sarà la scelta per quel ruolo. In questo momento concentriamoci su domani, cerchiamo di onorare la competizione. La partita è difficile, è importante e quindi la nostra testa deve essere solamente all’appuntamento di domani”.

Ci dobbiamo aspettare un turnover importante domani?
“Credo che queste siano partite in cui bisogna anche provare qualche alternativa per quanto riguarda gli uomini, dare minutaggio a chi ne ha bisogno. Metteremo una formazione competitiva al massimo, cercheremo di mettere queste componenti qua. Ci teniamo a ben figurare, ci sarà spazio per qualche ragazzo che ha giocato meno e cercheremo di dare filo da torcere ad una delle squadre più forti del campionato italiano e sono convinto che la nostra mentalità di ormai sia quella, con chiunque andrà in campo cercherà di proporre e giocare con grande lucidità, arrivando al risultato tramite la prestazione: questo ormai dobbiamo sempre farlo”.

La Roma ha costruito la propria classifica contro le piccole: che partita si aspetta?
“Non so se sia pura casualità che la Roma con le grandi non abbia brillato, però sono una squadra che ha pareggiato con l’Inter 2-2 poco tempo fa e ha fatto una grandissima prestazione. Giocano bene, hanno un allenatore che propone un bel calcio, offensivo, e chiaramente noi dobbiamo cercare di ribattere colpo su colpo. Penso siano anche molto motivati a riscattare la sconfitta nel derby. Mi aspetto una squadra che oltre che forte a livello qualitativo lo sia anche a livello di motivazione e penso che saranno molto arrabbiati. Dovremo stare attenti e cercare di fare una grande prestazione, su questo non c’è dubbio”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da L'angolo dell'avversario