Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Disastro Roma, finisce in 9 e male. Lo Spezia la castiga e fa l’impresa

Giallorossi fuori agli ottavi di finale

Non bastava il derby perso 0-3. Ci voleva anche l’eliminazione dalla Coppa Italia contro le riserve dello Spezia nel trentennale della morte di Dino Viola. La confusione in panchina è totale e lo dimostra il sesto cambio fatto d Fonseca contro il regolamento. Pellegrini ha discusso a lungo con l’allenatore, dopo che l’arbitro aveva espulso nei supplementari Mancini e Pau Lopez in 60 secondi, cercando di metterlo sull’avviso. Ma alla Roma c’è chi non conosce il regolamento, come dimostrato nella prima giornata di campionato, contro il Verona, incappando nello 0-3 a tavolino per aver schierato Diawara.

Non è bastato l’aiuto di Italiano che ha fatto più turnover della Roma. Ha mandato in campo Leo Sena, brasiliano con 15 minuti di A, e il portiere lituano Krapikas, con 6 presenze in serie B nella scorsa stagione. nemmeno lui poteva immaginare che in 15 minuti si sarebbe trovato come la Lazio venerdì sera, cioè avanti due 2-0 per due errori della difesa: il primo di Cristante ed il secondo di Kumbulla.

La Roma l’ha rimessa in vita a fine primo tempo per un goffo fallo da rigore su Pellegrini e ha pareggiato con Mkhitaryan, ma il disastroso Borja Mayoral si è divorato il 3-2, solo davanti al portiere, nel finale dei tempi regolamentari. Rudi Garcia pagò con l’esonero, Fonseca rischia la stessa fine. Lo scrive “Il Corriere della Sera”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa