Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma bollente: squadra-Fonseca, confronto duro. Lo Spezia è decisivo

Duro confronto a Trigoria

Ieri i giocatori della Roma hanno provato a “salvare” il destino del giovane team manager Gianluca Gombar, rimosso dal suo ruolo a seguito della figuraccia consumatasi martedì sera all’Olimpico, quando durante Roma–Spezia di Coppa Italia i giallorossi sono incappati nell’errore del sesto cambio. Tentativo andato a vuoto, anche se poi il confronto è stato diretto e – in alcuni momenti – anche con toni duri ed aspri.

Gombar è stato ritenuto da Dan e Ryan Friedkin responsabile di un errore che ha causato anche un grosso danno d’immagine al club. E su questo i giocatori hanno però voluto puntualizzare come la colpa non possa essere addossata solo a Gombar. Frase rivolta al team manager, è vero, ma contemporaneamente anche alla panchina giallorossa.

Ecco, secondo i giocatori l’errore per questo è da considerarsi condiviso, visto che nessuno dello staff tecnico – ascoltando quell’alert – si è opposto al cambio.  Poi il discorso è scivolato sulle questioni tecnico-tattiche e sulle difficoltà della squadra nelle due debacle vissute con Lazio e Spezia. Ora Fonseca dovrà essere bravo a spazzare via ogni dubbio o perplessità nella doppia casalinga contro Spezia e Verona e nella successiva trasferta con la Juve. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa