Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Largo a Borja, il “soldato” senza macchia

Lo spagnolo è già a quota 8 reti

Borja Mayoral è nato a Parla e probabilmente conosce bene il valore delle parole. Quando “parla”, lo fa con cognizione di causa: “Che attaccante sono? Faccio gol, ma svario anche fuori dall’area di rigore. Aiuto la squadra con gli assist, sono una punta di movimento“, disse il giorno della presentazione in giallorosso. Tutto vero. “Io non mi considero il rimpiazzo di Dzeko” aggiunse poi, facendo capire che non sarebbe stato un altro Schick o Kalinic.

Un calciatore che ha già la Champions League in bacheca ed è considerato un pupillo di Zidane (“Segna ogni volta che tira“) avrebbe forse poco altro da dimostrare. Eppure Roma l’ha messo subito in discussione etichettandolo come “non adatto” al gioco di Fonseca. Finché il campo non s’è pronunciato: 20 presenze, 8 gol e 5 assist.

Mayoral ha esultato tanto quanto Dzeko che ha le sue stesse presenze ma una media peggiore a causa dei 393 minuti in più sul terreno di gioco. Nonostante i dati favorevoli, però, non ha mai vinto un ballottaggio con il bomber di Sarajevo: ha giocato dall’inizio per turnover, oppure per indisponibilità o punizione di Dzeko. Contro il Verona cercherà di farsi trovare pronto. Ripartirà dalla doppietta di sabato e da quell’abbraccio prolungato con Pellegrini al triplice fischio. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa