Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Fascia di capitano, gol e nuova paternità: Pellegrini vive il momento più felice

Il numero 7 giallorosso vive il momento più importante della sua carriera

È un periodo d’oro per Lorenzo Pellegrini, in campo e fuori. Se nella vita privata il numero 7 giallorosso sta per vivere la gioia della seconda paternità, dal punto di vista sportivo sta attraversando il periodo migliore della sua carriera.

Il 2021, infatti, per lui si è aperto con il botto, con prestazioni sempre migliori in campo e con la responsabilità di aver ereditato la fascia da capitano da Edin Dzeko. Pellegrini, insomma, studia da leader, consapevole che non è un pezzo di stoffa intorno al braccio a renderlo un calciatore fondamentale per Paulo Fonseca.

Il suo destino è comunque scritto, sarà lui a portare avanti la tradizione romanista all’interno della Roma. Lo ha detto anche Tiago Pinto, alcuni giorni fa, facendo il punto della situazione riguardo ad un rinnovo di contratto che è in agenda da tempo ma che non si è ancora concretizzato. Pellegrini ha il contratto in scadenza il 30 giugno del 2022, e una clausola di 30 milioni di euro che la Roma vuole togliere per non correre il rischio di perderlo, soprattutto ad un valore di mercato nettamente inferiore a quello che è oggi il suo valore in campo. L’obiettivo è risolvere la questione il prima possibile, e in questo senso sta lavorando Pinto. Lo scrive “Il Corriere della Sera”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa