Resta in contatto

Mimmo Ferretti

Roma-Udinese 3-0: “In volo con Air Jordan”. Le pagelle di Mimmo Ferretti

I giallorossi tornano terzi in classifica

PAU LOPEZ  6,5

Tanti palloni giocati diligentemente con i piedi e una buona uscita alta, nella prima frazione. Bravissimo in uscita bassa su Deulofeu solo soletto, nella ripresa. E clean sheet. Bene.

MANCINI  7

Impeccabile l’assist con il quale manda in gol Veretout, esemplare quando c’è da leggere in anticipo le intenzioni di gioco dell’Udinese. Tosto, sempre. Bravo. Leader.

CRISTANTE  6

Duelli su duelli ad alta quota con Llorente. E sportellate reciproche a volontà. Un recupero da campione e un errore da dilettante, nella ripresa. La media tra le due cose lo porta alla sufficienza.

IBANEZ  6,5

Cerca di non perdere la concentrazione, soprattutto. A due passi da Musso, nel primo tempo, trova una deviazione in mischia, la palla – deviata – finisce non si sa ancora come fuori. Dà sicurezza costante, anche nelle coperture in diagonale.

KARSDORP  6+

Molto attento tatticamente, bravo tecnicamente. Nulla di bellissimo (ma il rigore su Micki è anche cosa sua) e zero assoluto di brutto.

VILLAR  7+

Talvolta un po’ troppo lezioso, in avvio, in una zona perfida del campo. Poi mette la sua partita su un piano meno tecnico e si fa rispettare molto anche in fase difensiva sul talentuoso De Paul. Prova entusiasmante, a conti fatti. Prova di altissima qualità.

VERETOUT  8

Un gol di testa, il calcio di rigore segnato senza batter ciglio e l’assist per Pellegrini gol-annullato. E non solo. Un primo tempo devastante. Dieci gol stagionali, per Jordan. Esce ancora una volta senza fiato.

SPINAZZOLA  6,5

Chiude bene in difesa con diagonali da manuale e sprinta in avanti. Prestazione completa, nella prima frazione. Ripresa meno arrembante e più attenta, ma ancora positiva in entrambe le fasi.

PELLEGRINI 6

Troppi i palloni giocati con sufficienza e, quindi, malamente regalati agli avversari. Specie nella prima frazione. Peccato, per lui e per la Roma. Una cosa bella, comunque, c’è: il lancio no look per Veretout che porta al rigore su Micki. Uno come lui, però, deve fare di più. E meglio. Il Var gli nega il gol, dopo un’azione corale da play station chiusa con il suo piattone destro.

MKHITARYAN   6+

Guadagna il calcio di rigore per il raddoppio della Roma. E mette in crisi il suo avversario diretto ogni volta che entra in possesso della palla, là a sinistra.

BORJA MAYORAL  6-

Si muove tanto e così facendo fa muovere la difesa dell’Udinese. Gioca per la squadra, ma non arriva mai vicino al gol. E nel secondo tempo scompare.

DZEKO  6

Per Borja Mayoral. Appare un pò (tanto) arrugginito, ma impegna Musso dal limite, rimedia un rigore non dato (strano…) e partecipa attivamente al gol di Pedro.

PEDRO 6,5

Rileva Veretout, ma va al posto di Pellegrini che passa in mediana. E chiude il conto con il gol del 3-0.

DIAWARA  SV

Al posto di Pellegrini, nel finale.

BRUNO PERES  SV

Per Spinazzola, nei minuti finali.

FONSECA 7

La sua Roma vince e convince. Non servono altre parole, a meno 6 dal Milan.

 

6 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

6 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Mimmo Ferretti