Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Villar: è tutto d’oro quel che calcia

Lo spagnolo sempre più protagonista

Fenomeno Villar. Il giovane centrocampista spagnolo è diventato insostituibile. Domenica ha annullato De Paul, in una partita di grande sacrificio a livello tattico. È il giocatore che ha corso di più della Roma: quasi dodici chilometri, con la velocità media più alta: 7,8 km orari. Ha corso con qualità, ha una percentuale altissima di passaggi riusciti, l’86 per cento. Nella Roma da dicembre è titolare inamovibile: ha giocato partendo dall’inizio le ultime dieci partite.

A novembre ha fatto parte dell’Under 21 spagnola, per le partite di qualificazione al Mondiale in programma a marzo contro Grecia, Georgia e Kosovo potrebbe essere convocato nella Nazionale maggiore,Luis Enrique con il suo staff lo sta seguendo da mesi. L’ottimo rendimento che sta avendo nella serie A, ha destato l’interesse di grandi club del suo Paese, a cominciare dal Barcellona. Fonseca lo considera un punto fermo per la sua filosofia di gioco che prevede sempre palla a terra. Sotto la guida del tecnico portoghese il centrocampista spagnolo è cresciuto molto, anche sul piano della personalità ed è riuscito a farsi apprezzare dai tifosi giallorossi, fino a diventare uno dei beniamini, grazie anche alla sua attività social. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa