Resta in contatto

Prima Squadra

Veretout: “Sappiamo che non è finita, dobbiamo vincere per forza”

Veretout

Le parole del centrocampista giallorosso a pochi minuti dalla gara di ritorno dei sedicesimi di Europa League contro il Braga

Il centrocampista giallorosso Jordan Veretout ha rilasciato alcune dichiarazioni prima della gara contro il Braga, match valido per il ritorno dei sedicesimi di finale di Europa League.

VERETOUT A SKY

“Sappiamo che non è finita, abbiamo vinto l’andata ma oggi abbiamo il ritorno che è importante. Non dobbiamo gestire perché il Braga è forte e dobbiamo vincere per forza”.

Si parla di turnover, tu giochi sempre. Un calciatore sente l’esigenza di riposare a volte?
“Noi siamo a disposizione del mister, il mister sceglie la formazione e quando chiama il calciatore deve rispondere sempre pronti per la partita. Riposo? Io preferisco giocare”.

VERETOUT A ROMA TV

Che partita avete preparato?
“Noi sappiamo che il Braga è una squadra forte che può creare tante occasioni, lo abbiamo visto all’andata. Loro hanno giocato in 10 quasi 30 minuti, sappiamo che sarà difficile ma non dobbiamo gestire e vogliamo vincerla”

Sui tanti giocatori fuori ruolo.
“Non è un problema, noi rispondiamo sempre alle scelte del mister, quando ci fa giocare in un ruolo diverso dobbiamo rispondere per forza. Andiamo avanti, noi siamo pronti e non è un problema”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra