Resta in contatto

Focus

Roma, il post Europa League è un incubo: i dati

La squadra di Fonseca fa fatica dopo gli impegni europei, solo un punto dopo il giovedì di coppa

Il giovedì di Europa League fa sognare i tifosi, speranzosi di andare avanti il più possibile per provare ad agguantare uno storico trofeo che nella bacheca giallorossa manca. Ma se si fa un’analisi profonda dei risultati, l’Europa League, paradossalmente, per la Roma diventa un problema.

Se è vero che l’Europa League può portare la qualificazione in Champions e, soprattutto, sarebbe un trofeo inedito e storico per la storia giallorossa, il cammino in campionato di certo non ne sta beneficiando. Questo però è un problema quasi solo della Roma, anche perché andare avanti un una competizione europea non dovrebbe mai rappresentare motivo di preoccupazione. Ma vediamo nel dettaglio i motivi che spingono a formulare un’affermazione del genere.

Da quando è cominciata la fase ad eliminazione diretta dell’Europa League, la Roma nelle partite di campionato che hanno seguito quelle di coppa, ha raccolto solamente un punto in 3 gare: quello arrivato a Benevento.
Dopodiché sono arrivate due sconfitte: una in casa con il Milan, l’altra ieri a Parma. A dimostrazione che la squadra di Fonseca soffra tremendamente il doppio impegno, soprattutto adesso che non può schierare le tante seconde linee viste nella fase a gironi.

Se si va ad analizzare il rendimento delle altre squadre coinvolte nella fase ad eliminazione diretta (quelle dei campionati maggiori), si nota come la Roma abbia lo score peggiore nelle gare di campionato successive alle partite del giovedì. Ecco i numeri che riguardano le gare post Europa League nei diversi campionati:

Roma- 1 punto (pari col Benevento e sconfitte con Milan e Parma)

Milan – 3 punti (vittoria con la Roma e sconfitte con Inter e Napoli)

Tottenham – 3 punti (vittoria con Burnley e sconfitte con West Ham e Arsenal)

Villarreal – 4 punti (vittoria con Eibar, pari con Athletic Bilbao e sconfitta con Atletico Madrid)

Arsenal – 6 punti (vittorie con Leicester e Tottenham, sconfitta col Manchester City)

Granada–  6 punti (vittorie con Elche e Real Sociedad, sconfitta col Huesca)

Ajax – 7 punti (vittoria con Sparta Rotterdam e Pec Zwolle, pari con PSV)

Manchester United – 7 punti (vittorie con Newcastle e West Ham, pari col Chelsea)

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Focus