Resta in contatto

Rassegna Stampa

Delvecchio: “Serve lucidità, la Roma non deve commettere gli errori del 2003”

L’intervista all’ex attaccante giallorosso, che ricorda l’ultima eliminazione nel girone di Champions dove c’era l’Ajax

Marco Delvecchio ha rilasciato un’intervista alla Gazzetta dello Sport in vista di Roma-Ajax di questa sera, Queste le sue dichiarazioni:

Delvecchio all’epoca disse che il rimpianto era enorme, che si poteva fare di più.
“Beh, con quella squadra vincemmo un campionato meraviglioso e una Supercoppa. Ovvio che tutti avremmo voluto qualche trofeo in più, non penso di aver detto una cosa così originale”.

Quella sera disse anche che la Roma nel girone con Ajax, Valencia e Arsenal non aveva creduto troppo in se stessa.
“È vero, c’erano squadre forti ma vi posso assicurare che lo eravamo anche noi. Spero che la Roma non faccia lo stesso errore, ma sono sicuro che affronterà la partita con la giusta concentrazione e fiducia. Per scaramanzia non dico niente su passaggi del turno o altro, dico solo che bisognerà avere serenità ed essere attenti a tutto. Partite così si vincono solo con 14 o 15 giocatori perfetti”.

Lei ha detto spesso che quella Roma ha vinto poco per quanto era forte e lo ha ribadito anche adesso. Allora le chiediamo: quali giocatori di oggi avrebbero potuto giocare in quella squadra?
“Sinceramente non so. Ci sto pensando ma sono epoche diverse. Non saprei dire che calcio sia questo rispetto al nostro. Non voglio fare 0-0 come si dice, ma a questo non saprei rispondere”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa