Resta in contatto

Rassegna Stampa

Se c’è Bryan nessuno ci rinuncia

Domani sera a Manchester il ragazzo di San Vito al Tagliamento agirà nuovamente nel terzetto difensivo nella 225 presenza da professionista

Cristante l’intelligente, l’essenziale, l’utile, il duttile. Di Francesco non ci rinunciava mai, Claudio Ranieri lo definì “uno stantuffo che lavora da area ad area”, Fonseca lo ritiene il giocatore ideale perché “dà tanto equilibrio”. Bryan è un leader fedelissimo che non tradisce la propria bandiera. Un soldato che si mette a disposizione, non alza la voce e non si lamenta. Per questo motivo è apprezzatissimo dagli allenatori e dai compagni di squadra.

Daniele De Rossi, per citare un esempio, nella conferenza stampa d’addio alla Roma ne parò come un calciatore “che non è romanista, eppure ne vorrei altri cento come lui al mio fianco”. Eppure in questi tre anni non è stato tutto rose e fiori con l’ambiente giallorosso. Cristante è stato spesso preso di mira, con sfottò e soprannomi poco gratificanti. Il calciatore ha dovuto abbattere un muro di scetticismo, causato forse dall’entusiasmo collettivo con cui era arrivato nell’estate del 2018 dopo i 12 gol in una sola stagione a Bergamo.

I tifosi si aspettavano un trequartista con il gol nelle vene e hanno trovato un difensore che invece gioca per evitare i gol… degli altri. Quella contro la sua ex squadra, giovedì scorso, è stata la prima rete stagionale di un ragazzo che in passato era abituato a esultare con continuità; non a caso, arrivata nel momento in cui il classe ’95 ha alzato il suo raggio d’azione per dare manforte al centrocampo con l’Atalanta in inferiorità numerica.

Domani sera a Manchester il ragazzo di San Vito al Tagliamento agirà nuovamente nel terzetto difensivo nella 225 presenza da professionista. Se a Old Trafford ci fosse Mancini, squalificato per la semifinale d’andata, probabilmente Cristante sarebbe già accanto a Veretout contro i Red Devils. Ma gli uomini sono di nuovo contati nel reparto più delicato e l’unico terzetto difensivo è quello formato da Cristante, Smalling e Ibanez. Si legge sul “Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Amelia: “Tornare a Roma con Mourinho? No, continuerò ad allenare”

Ultimo commento: "Caro Amelia hai dimenticato di ricordare che in quella squadra c'erano 14 titolari e 13 erano campioni ai quali 7 undicesimi della squadra odierna non..."

Francesco Totti: uomo, capitano e leggenda

Ultimo commento: "Totti non è solo il capitano ma è la leggenda Roma. Totti è la Roma e la Roma è Totti."

Daniele De Rossi

Ultimo commento: "Su via di capitani la Roma ne ha avuti molti romani e romanisti. Hai già dimenticato Totti?"

Giuseppe Giannini

Ultimo commento: "Uno dei più forti giocatori inzieme a de rossi e totti, usciti dal vivaio Roma."

Nils Liedholm

Ultimo commento: "Con lui, tutti i sogni, sono diventati realtà e io li ho vissuti..."
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa