Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mancini e Karsdorp, l’estate è solo giallorossa e fa felice Mourinho

Al netto della delusione, i giocatori non convocati dalle nazionali saranno subito a disposizione di Mouribho per la preseason

La botta è arrivata con la lista definitiva e lo ha ammesso che il c.t. azzurro Roberto Mancini: “Non è stato semplice per nessuno. Ci sono rimasti tutti male, ma sono ragazzi che avrebbero meritato di essere qua e saranno chiamati in futuro. Saranno giocatori importanti per la Nazionale”.

Tra di loro c’è anche il Mancini giocatore, Gianluca. Ci sperava. Ci credeva. Invece dovrà vedere l’Euro 2021 in tv, compresa l’ultima amichevole di stasera, contro la Repubblica Ceca, in cui Spinazzola sarà titolare, Cristante in panchina e Pellegrini in bacino di carenaggio con l’obiettivo di recuperare per Italia-Turchia dell’11 giugno.

Delusione anche per Karsdorp, preconvocato dall’Olanda e poi scartato. Nicolò Zaniolo sapeva che il recupero dall’infortunio al ginocchio non collimava con i tempi di Euro 2021. Ibanez ha detto no alla nazionale olimpica brasiliana (Villar e Mayoral aspettano le convocazioni olimpiche della Spagna). DzekoKumbulla e Mkhitaryan non si sono qualificati con Bosnia, Albania e Armenia. Veretout non è mai stato chiamato dalla Francia e non aveva illusioni.

Per José Mourinho sarà un piacere avere quasi tutta la rosa a disposizione già dal precampionato. Il tecnico portoghese vuole organizzare subito amichevoli di un certo livello: sicuro il Benfica, contatti con il Bayern. Per Mou è molto importante avere anche giocatori motivati e, sicuramente, toccherà il tasto della rivincita per chi non è stato convocato per Euro 2021. Lo riporta Il Corriere della Sera. 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa