Resta in contatto

Amarcord

Amarcord, 29 giugno 2000: il cucchiaio di Totti a van der Sar regala la finale degli Europei all’Italia (VIDEO)

Dopo lo 0-0 dei tempi regolamentari e supplementari, i rigori regalarono la finale agli azzurri. Il cucchiaio di Totti resta un’immagine storica

“Mo je faccio er cucchiaio”. E’ ormai diventata leggendaria la frase che Francesco Totti pronunciò poco prima di battere il rigore in ItaliaOlanda, semifinale dell’Europeo del 2000. Come raccontò lo stesso capitano giallorosso, la battuta nacque dalla conversazione tra Totti, Di Biagio e Maldini al centro del campo, durante i decisivi rigori della sfida. Una partita durissima, sotto tutti i punti di vista: l’Olanda era la strafavorita della competizione, visti i fenomeni che aveva in rosa. Nonostante ciò, la partita riuscì ad arrivare a reti bianche oltre ai supplementari, complice una gara esemplare di Toldo, messosi in luce grazie anche al rigore parato a De Boer durante i primi 45 minuti di gara. L’Italia, in 10 per l’espulsione di Zambrotta, riuscì così ad arrivare ai rigori: da una parte Toldo, dall’altra Edwin van der Sar, considerato il portiere più forte del mondo all’epoca.

Il primo rigore lo tirò Di Biagio, che proprio nel 1998, ai quarti di finale contro la Francia, aveva sbagliato quello decisivo. Fu un gran rigore, potente e angolato: gol. Il primo rigore dell’Olanda lo tirò de Boer, che già se ne era fatto parare uno da Toldo nel primo tempo. Toldo gli parò anche questo. Il secondo rigore per l’Italia, invece, lo segnò Gianluca Pessotto, tirando praticamente senza rincorsa. L’Olanda sbagliò anche il secondo rigore: lo tirò Jaap Stam, che mandò la palla altissima sopra la traversa. Arriviamo al terzo rigore per l’Italia, proprio quello di Francesco Totti: il numero 10 giallorosso aveva promesso il cucchiaio, ma nessuno, nemmeno Maldini e Di Biagio, avevano pensato che fosse serio. Invece il capitano mantenne la promessa: palla al centro e vad der Sar a destra! Dopo il gol di Totti, Kluivert segnò l’unico dei sei rigori tirati dall’Olanda in quella partita. Per ultimo, per l’Olanda, tirò Paul Bosvelt, discreto centrocampista del Feyenoord. Prese una ricorsa lunghissima ma tirò male, facendosi prendere il tiro da Toldo. Era il terzo rigore parato da Toldo nella stessa partita: l’Italia aveva vinto la partita, qualificandosi per la finale contro la Francia.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord