Resta in contatto

Rassegna Stampa

Ora è k.o. Calafiori. Vita sempre dura per i terzini sinistri

Calafiori

Il giovane talento giallorosso ha riportato un infortunio, sembra non grave, nell’amichevole contro il Montecatini

José Mourinho ha dovuto rinunciare a Leonardo Spinazzola a causa dell’infortunio al tendine d’Achille e il sostituto naturale la Roma ce l’ha già in casa. Si tratta dell’enfant prodige Riccardo Calafiori, 19 anni, che era già stato protagonista di due “istantanee” da parte dello Special One.

Nella prima, a Londra, si era immortalato sui social mentre studiava le sue prestazioni, nella seconda, il giorno della presentazione, quando aveva fatto i complimenti alle qualità di Calafiori, pur chiedendo esplicitamente al general manager Tiago Pinto un nuovo terzino per sostituire Spinazzola.

Un peccato, perciò, che il baby si sia fatto male a una caviglia nell’amichevole contro il Montecatini, visto che lo stop (a Trigoria riferiscono non preoccupante) dovrebbe metterlo fuori causa per l’amichevole di domani contro la Ternana. Al momento a Mourinho non possono essere chiesti miracoli.

In questa chiave, la caccia al terzino sinistro resta aperta, pur con tutte le difficoltà del caso, visto che la dirigenza giallorossa deve ancora risolvere la questione Xhaka. Il giocatore preferito sulla fascia, in attesa del ritorno di Spinazzola, al momento è Ramy Bensebaini, 26 anni. algerino in forza al Borussia Moenchengladbach. Il club tedesco non accetta il prestito e vorrebbe cederlo per 15 milioni. No anche dal Manchester United per il prestito di Alex Telles. Stesso discorso vale per Mathias Vina, uruguaiano del Palmeiras.

Si legge su La Gazzetta dello Sport

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa