Resta in contatto

Rassegna Stampa

Roma, crescita a zero gol

Pochi gol dall’attacco giallorosso

La Roma pareggia anche contro il Siviglia, nel secondo test contro un avversario di Champions. Dopo il Porto la squadra di Mourinho a Faro ha affrontato il Siviglia di Monchi, in ritiro come i giallorossi in Algarve. Nel primo tempo il tecnico portoghese ha lasciato in panchina molti titolari e ha affidato a Mkhitaryan, in campo con la fascia da capitano, il compito di guidare una squadra di seconde linee. Perez ed El Shaarawy hanno aiutato il centrocampo, mentre Mkhitaryan dava assistenza a Borja Mayoral. La Roma ha concesso poco, messa in campo con equilibrio.

Mourinho nella costruzione della Roma si è dedicato principalmente a dare equilibrio, la difesa ha concesso pochissimo, ma la fase offensiva è ancora da costruire. Poche le occasioni avute nel corso dei novanta minuti. I giallorossi non sono riusciti a sfruttare la superiorità numerica per quasi mezz’ora con l’espulsione di Gudelj, che nel giro di sette minuti ha rimediato due cartellini gialli e all’uscita dal campo è stato molto duro nei confronti della terna arbitrale. Due ammoniti anche nella Roma, a testimonianza che anche questa è stata una partita vera, come quella contro il Porto. Gli attaccanti sono ancora in ritardo, ma si è vista un’idea di gioco. Nel primo tempo Kumbulla ha tenuto testa a En Nesyri, ma lui e Ibanez hanno commesso troppi errori in uscita. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa