Resta in contatto

Approfondimenti

Diawara, l’equivoco “è in mezzo”: la Roma lo vuole cedere, lui vuole giocarsi il posto

Diawara

Il centrocampista giallorosso è sul mercato, ma il suo trasferimento appare difficile

Amadou Diawara e la Roma, una calda estate che ancora deve esaurirsi, desideri opposti e sentimenti contrastanti.
Sì, perché la Roma ha provato in tutti i modi a vendere Diawara, inserendolo in diverse trattative (con Wolverhampton per Rui Patricio e con l’Arsenal per Xhaka) e provando a sondare il mercato alla ricerca della giusta offerta (non troppo bassa, visto che il centrocampista è a bilancio ad un cifra vicina ai 16 milioni). Ma senza fortuna.
Con la sua partenza e con i soldi che sarebbero piovuti nella casse giallorosse, Tiago Pinto avrebbe avuto il budget per regalare a Mourinho Xhaka. Quindi è colpa di Diawara se lo svizzero non si sta allenando in Portogallo? No, o almeno solo in parte, visto che a Trigoria tra cartellini e ingaggi si allena un tesoretto che, da solo, sarebbe stato sufficiente per rifare la squadra.

Diawara però non è stato inserito nella lista degli esuberi solo per motivi numerici: con Veretout ai box, Cristante in ferie post Europeo e con la trattativa Xhaka in stallo, Mourinho non avrebbe potuto sostenere il doppio ritiro giallorosso con i soli Villar e i Primavera Darboe e Bove. Ma il centrocampista africano, al di fuori delle questioni di liste o numeriche, non rientra nei piani di Mourinho. E le indicazioni sono arrivate anche dal campo, dove spesso Darboe e Bove sono stati preferiti al numero 42.
Ora la palla passa a Tiago Pinto e al mercato, con la speranza di poter contare sull’offerta giusta e poter reinvestire quella cifra per migliorare la rosa giallorossa, ma non sarà affatto facile. Amadou Diawara e la Roma, un agosto bollente.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Approfondimenti