Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Il rinnovo di Pellegrini dopo il derby

Pellegrini

Nessuna distrazione. In una settimana iniziata con il risveglio dopo l’inattesa sconfitta di Verona e con due gare importanti da giocare nel giro di quattro giorni

Nessuna distrazione. In una settimana iniziata con il risveglio dopo l’inattesa sconfitta di Verona e con due gare importanti da giocare nel giro di quattro giorni, il nuovo incontro tra Tiago Pinto e l’entourage di Lorenzo Pellegrini è stato posticipato alla prossima settimana.

Alla base della decisione non ci sono problemi o complicazioni nella trattativa – ormai arrivata alle battute finali – ma a volontà di non voler distrarre il ragazzo nei giorni che precedono la sfida con l’Udinese e soprattutto il derby di domenica. In un momento in cui il capitano giallorosso si è caricato la squadra sulle spalle, l’unica priorità è rappresentata dalla necessità di tornare a vincere.

Da lunedì in poi si tornerà a pensare al rinnovo di contratto e a una firma che sembra sempre più vicina. Nelle ultime settimane Mourinho – che ha stretto un ottimo rapporto con il numero 7 – si è esposto più volte in prima persona preannunciando l’imminente fumata bianca, a conferma di come il club stia puntando ad arrivare all’accordo il prima possibile.

Anche i desideri di Pellegrini sono chiari da tempo: la sua volontà è sempre stata quella di crescere al centro del progetto Roma. Verrà accontentato con un contratto da top player, il giusto riconoscimento per un giocatore nato calcisticamente nelle giovanili di Trigoria. Una volta formalizzata l’operazione Pellegrini, al Fulvio Bernardini si inizierà a pensare anche a Zaniolo. Al momento non c’è fretta ma il nuovo contratto del numero 22 è un tema a cui si inizierà a lavorare nelle prossime settimane.

Si legge su Il Tempo

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa