Resta in contatto

Rassegna Stampa

L’editoriale di Maurizio Costanzo: “Sconti a chi si vaccina, una bella iniziativa”

Spinazzola

Le parole di Maurizio Costanzo

Ma sì, ci auguriamo proprio che gli stadi siano sempre più aperti e che aumenti, giorno dopo giorno, la capienza dei medesimi. Riavere gli stadi pieni è la dimostrazione visiva, vorrei dire la certificazione, che la pandemia è passata, almeno in gran parte se non del tutto. Vuol dire che siamo usciti dai lunghi mesi di lockdown e in qualche modo di solitudine. Lo stadio significa stare insieme. E’ bella l’iniziativa della Roma che offre biglietti scontati a chi si vaccina. E’ una iniziativa che aiuta a vaccinarsi come e più del green pass. Sono tante, forse, le persone che per avere un biglietto scontato superano paure ritrosie e si vaccinano. Mano male. Dall’altra parte la Roma, già in passato, si era impegnata contro il Covid. Continua perciò su questa strada. Continua sulla strada della ripresa anche Mourinho che guarda con interesse a Roma-Udinese, come guardiamo tutti, ovviamente, a questa partita.

State leggendo pensieri giallorossi, ma non posso fare a meno di raccontare che a Roma, veramente Capitale del mondo, ci sono al momento alcuni cinghiali che vivono ai bordi della città e si fanno sentire. Un passante ha detto: “Che belli!”. So di essere inopportuno e sgradito, però anche a me viene da dire “Che belli!” a dei cinghiali e molto meno a degli umani che ho conosciuto nella mia ormai lunga vita. Mi piacerebbe che una squadra di calcio mettesse nel suo stemma un cinghiale. Magari, una squadra giovanile, perché i cinghiali sembrano sempre gagliardi e tosti. Lo scrive Maurizio Costanzo su Il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa