Resta in contatto

News

Totti: “Derby? C’è chi lo preferisce ad uno scudetto. Pellegrini non è ben visto…” (VIDEO)

Le parole dell’ex capitano giallorosso alla vigilia della stracittadina capitolina

Quando pensi al derby di Roma non puoi non pensare a Francesco Totti. Reduce da un torneo di pádel disputato a Barcellona insieme a Candela, l’ex capitano giallorosso è tornato a parlare di calcio, in particolare della sua Roma, alla vigilia del derby della capitale: “Come vivevo il derby? Ero malato per la Roma, avevo l’abbonamento in Curva Sud e per me il derby era sempre una gara speciale. Soffrivo molto, si viveva diversamente rispetto alle altre città. Anche da giocatore lo vivevo in maniera diversa dai miei compagni, tra me e i tifosi c’era amore reciproco e un rapporto speciale. Quando vent’anni fa c’era un derby se ne iniziava a parlare almeno tre o quattro mesi prima; c’era chi preferiva vincere le due stracittadine che lo scudetto. L’importante era non perdere, altrimenti bis”

“Pellegrini? Ho sempre detto che ha qualcosa in più rispetto agli altri, spero possa fare ancora strada. Roma è una piazza complicata e anche lui non è “ben visto” come me e De Rossi; ma se continua così ha tutto dalla sua parte – ha aggiunto Totti -. Abraham? Giocatore formidabile, un acquisto top e un ragazzo disponibile ad aiutare la squadra. A Roma è fondamentale mostrare attaccamento, quando arriva un giocatore come lui tutti pensano che possa diventare l’uomo-derby. Mourinho-Sarri? Conta la motivazione e la voglia di vincere. Il portoghese aiuta, motiva, stimola e spinge a dare il massimo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News