Resta in contatto

L'angolo dell'avversario

Zorya, Favorov: “Giocare contro la Roma è un sogno. C’è grande motivazione”

Il difensore della squadra ucraina dello Zorya ha parlato in conferenza stampa del match di domani: ecco le sue parole

Denis Favorov, difensore della squadra ucraina dello Zorya, ha così parlato in conferenza stampa alla vigilia del match di Conference League contro la Roma. Ecco le sue dichiarazioni:

Sulla partita.
“Come atleta sogni per tutta la vita e lavori per giocare partite di questo livello, perché questa è una competizione di prim’ordine e una grande avversaria. Vogliamo metterci alla prova e giocare nel miglior modo possibile”.

Nelle ultime partite del campionato ucraino, lo Zorya ha segnato 7 gol e non ha subito un solo gol. Quella serie negativa sta finalmente lasciando la squadra?
“Certo, siamo contenti delle ultime prestazioni, ma non abbiamo ancora ingranato nel nostro campionato, non abbiamo vinto le partite contro il Chernomorets e il Dnipro-1, è proprio il momento che tradisce la fiducia”.

Sulla Roma.
“Una squadra così forte e un allenatore di alto livello, tutti conoscono il loro gioco. Siamo tutti impazienti di questa battaglia in modo da poter mostrare le nostre qualità professionali sfidando un’avversaria così interessante e forte!”.

Come vi siete preparati alla gara?
“Ci siamo preparati in maniera standard, come di solito accade. Lo staff tecnico ci farà alcune domande e spiegherà a cosa dovremmo prestare maggiore attenzione, e dovremo dimostrarlo sul campo”.

L’allenatore di lunga data di Zorya, Yuriy Vernidub, ha creato scalpore per la seconda volta alla guida dello Sheriff Tiraspol. Riuscirete a ripetere il suo successo?
“Certo, ieri abbiamo seguito con passione l’allenatore ucraino. Spero che i miracoli non finiscano qui. Crediamo nel meglio: niente è impossibile”.

Ricordi le prestazioni di Henrikh Mkhitaryan in Ucraina o sarà una persona nuova per la tua squadra?
“Tutta l’Ucraina conosce e ricorda questo giocatore, si esibisce a livello internazionale. Abbiamo seguito, studiato e sappiamo come gioca, vediamo, domani.

Siete motivati?
“C’è una grande motivazione. Abbiamo dedicato tutte le nostre vite per giocare queste partite, quindi vogliamo davvero metterci alla prova e mostrare che siamo al giusto livello”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da L'angolo dell'avversario