Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Pellegrini rinnova fino al 2026

Pellegrini

Il tanto atteso lieto fine è arrivato. Lorenzo Pellegrini ha firmato il suo nuovo contratto con la Roma

Il tanto atteso lieto fine è arrivato. Lorenzo Pellegrini ha firmato il suo nuovo contratto con la Roma, che lo lega al club giallorosso fino a giugno 2026: il capitano guadagnerà quattro milioni più bonus (sarà il più pagato della rosa) e l’accordo non prevede alcuna clausola rescissoria. La fumata bianca arrivata ieri pomeriggio mette fine a una trattativa durata quasi un anno, sbloccata dalla volontà dei Friedkin e del numero 7, che ha deciso di restare a Trigoria per diventare una delle colonne portanti del progetto giallorosso: “Il rinnovo è arrivato al momento giusto – spiega Pellegrini – volevo legarmi alla mia città, non potrei provare emozione più grande. La proprietà, Tiago Pinto e il mister mi hanno fatto sentire importante, cercherò di ripagarli dando il 110%. Per vincere non bisogna accontentarsi mai”.

Festeggia anche Mourinho che, dal suo arrivo nella Capitale, ha parlato del rinnovo del capitano come una priorità“Ho capito che il contratto si sarebbe fatto quando Lorenzo mi ha detto che sarebbe rimasto anche senza un accordo. Credo sia stata la scelta giusta per la società ma anche per il giocatore. Lui, insieme a Mancini e Cristante, è qui per creare un nucleo di giocatori italiani intorno a cui costruire l’identità del gruppo”L’obiettivo è quello di arrivare a vincere insieme, a cominciare dalla gara di oggi.

Si legge oggi su Il Tempo 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa