Resta in contatto

Rassegna Stampa

Pieri: “Orsato ha sbagliato. E poi il Var…”

Pieri Orsato

Il gol annullato ad Abraham fa ancora discutere. Tiziano Pieri, ex arbitro e opinionista Rai, ha invece le idee molto chiare su Orsato

Il gol annullato ad Abraham fa ancora discutere. Tiziano Pieri, ex arbitro e opinionista Rai, ha invece le idee chiare: “E’ una lettura semplice, ahimè sbagliata, di un’eccellenza del fischietto. Tutto nasce dal contatto precedente tra Danilo ed Abraham, Orsato porta il fischietto in bocca in seguito a quel contatto, avendo un dubbio. Quando Szczesny subito dopo esce in modo rovinoso su Mkhitaryan, fischia. E’ stato un gesto istintivo, non ci fosse stato il contatto precedente avrebbe avuto quella frazione di tempo per valutare e non sarebbe accaduto nulla. Daniele è un tipo istintivo, è sempre stata la sua forza però si può trasformare nel tallone d’Achille. In questo caso ha sbagliato.

Ecco le sue parole sulle colonne de Il Messaggero:

E se invece Abraham avesse calciato alto? 

“Bella domanda (ride, ndr). Avendo dato il vantaggio, questo si concretizza nel momento in cui tira. Poi però accade quasi sempre il contrario e si fischia il rigore”.

Più grave l’errore di per sé o la spiegazione che Orsato dà a Cristante? (“Il vantaggio sul rigore non si dà mai”)

“E’ una comunicazion sbagliata. Nel pour-parler con i calciatori dire le cose come stanno è sempre meglio. Anche perché ci sono dei precedenti che lo smentiscono”.

Si è discusso molto anche dell’eventuale tocco con la mano di Mkhitaryan. 

“La palla la tocca ma Mkhitaryan dà l’idea di perdere il passo. E’ in volo e prova a mettere le mani a terra, che riesca a colpire anche volontariamente il pallone è difficile”.

Il rigore andava ripetuto per l’entrata di Chiellini in area?

“Certamente. Ed è un errore che il Var non lo abbia comunicato a Orsato. In Serie B è già accaduto un paio di volte”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa