Resta in contatto

Rassegna Stampa

Un colpo alla Mou: magia di Pellegrini e la Roma esulta, Cagliari a fondo

Pellegrini

Vittoria pesante per i giallorossi a Cagliari

Mancava l’aria alla Roma di Mourinho. Mancavano spazi, velocità, campo, idee. E allora Lorenzo Pellegrini ha cambiato la storia della partita di Cagliari con due giocate da fermo: un calcio d’angolo recapitato sulla testa di Ibañez e una meravigliosa punizione spedita direttamente all’incrocio da una posizione non ideale per un destro.

Non c’erano molte altre strade per i giallorossi: il Cagliari aveva impostato una gara esclusivamente difensiva e la stava interpretando bene. Era pure passato in vantaggio a inizio ripresa con Pavoletti sfruttando un errore di un impresentabile Viña e lo stesso centravanti ha poi sprecato la ghiotta occasione per il 2-0. Ma portarsi il nemico in casa è sempre un’operazione rischiosa, soprattutto se il gap nel gioco aereo è evidente. E così, angolo dopo angolo, la Roma è diventata più pericolosa e ha segnato i due gol che le consentono di conservare il quarto posto.

Non è stata una bella Roma, anzi per un’ora è stata proprio brutta. La squadra di Mourinho (in tribuna per squalifica) ha approcciato la partita con estrema lentezza e prevedibilità. Nel primo tempo la Roma non è riuscita a distillare nemmeno un tiro nello specchio dal 61% di possesso palla e dal doppio dei passaggi rispetto agli avversari (234-120) e i motivi sono diversi.

Il fraseggio era lento: gli spazi erano intasati e quindi non era semplice trovare uno sbocco, ma piuttosto che continuare sull’aggiramento a ritmi lenti i giallorossi avrebbero potuto ogni tanto forzare una giocata e alzare la velocità. Sono mancati gli uno-due e le combinazioni “palla avanti, palla indietro” che in casi come questo sono fondamentali. La Roma ha spinto quasi solo a destra, dove Karsdorp aiutava un volenteroso Zaniolo. Ma sui cross pochi giallorossi attaccavano la porta e mai è stato cercato uno scarico al limite dell’area. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa