Resta in contatto

Rassegna Stampa

Pedersen e Henrichs: ballottaggio terzini

Lo Special One attende rinforzi

Mourinho ha i titolari contati e adesso rischia di perdere Vina. Il terzino uruguaiano si è infortunato nel finale della partita contro il Milan, non è stato convocato per la partita di ieri sera contro il Bodo. Ha una sospetta lesione muscolare. Le sue condizioni saranno monitorate e oggi dovrebbe sottoporsi a una risonanza magnetica.

Potrebbe essere a rischio anche la convocazione in Nazionale. È molto probabile che Vina salti anche la partita di Venezia. Intanto Tiago Pinto continua a lavorare per rinforzare la squadra a gennaio. Per il centrocampo uno degli obiettivi è Denis Zakaria. Nei prossimi giorni sono previsti contatti tra il direttore generale e gli agenti del centrocampista. La Roma punta ad acquistarlo sei prima della scadenza riconoscendo un indennizzo per il club tedesco di 4-5 milioni di euro, con un ingaggio di 2,5 milioni. Su Zakaria si è mossa anche la Juventus e sono arrivate offerte anche dall’Inghilterra.

Per il ruolo di terzino destro Tiago Pinto segue Pedersen del Feyenoord e Benhamin Henrichs, attualmente in forza al Lipsia. Il club tedesco chiede una cifra intorno ai dieci milioni, ma la Roma spera di poter prendere il giocatore in prestito con diritto di riscatto, considerando che Henrichs vorrebbe cambiare per giocare con più continuità e sta facendo pressione con il suo club. Potrebbe essere lui l’alternativa a Karsdorp, considerando  che Reynolds non dà garanzie e a gennaio potrebbe partire per fare esperienza. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa