Resta in contatto

Conferenze stampa

Mourinho: “Cristante e Zaniolo? So solo io chi gioca. Buttato il lavoro fatto in settimana”

Il tecnico giallorosso in conferenza stampa per presentare la sfida contro il Genoa

Josè Mourinho si presenta in conferenza stampa per presentare la sfida della 13^ giornata di campionato contro il Genoa. Ecco le sue dichiarazioni:

È un tipo di partita che va giocata con grande aggressività o pazienza?

“Io capisco quello che dici. Non solamente i giocatori, ovviamente lo stadio, i tifosi. Penso che questa nuova proprietà ha avuto un’influenza di motivazione, speranza. Ambiente difficile. Stadio bellissimo. Con noi però avremo sempre tanti tifosi anche in trasferta, anche in questo livello è importante. Ci sarà voglia di vincere dal 1′ minuto. Possiamo non vincere, come è capitato già, ma entriamo in campo con la stessa idea. Neanche in questo momento noi cambiamo questa idea”.

Dall’altra parte c’è un nuovo allenatore. Non avendo da studiare troppo, ci sono tanti punti interrogativi per domani? Partita al buio?

“Non al buio, ma con qualche difficoltà. Anche loro non sanno come e con quali giocatori giochiamo. Ma la difficoltà maggiore per me e Sheva è che non ci sono giocatori importanti a disposizione. Giocare contro una squadra che ha un nuovo allenatore hai più punti interrogativi. Ma come dice Sheva in Conferenza non è tanto l’idea, ma per fare un risultato viste le assenze. È difficile seguire una linea, non c’è un unico terzino sinistro in formazione. Spinazzola, viña, Calafiori. Anche difensori centrali, l’assenza di Cristante. Difficile. Però alla fine sarà Genoa Roma, tutti hanno bisogno di punti. Quasi sempre giocheremo noi, sarà divertente come minimo. Con voglia di giocare bene, vincere. Sono state tutte partite divertenti tranne quella di Bodo”.

Ipotizzando la difesa a tre, Zaniolo come può essere schierato in questo nuovo assetto con l’assenza di Cristante?
“Non capisco la connessione tra Cristante e Zaniolo. Cristante può giocare in difesa, non mi sembra che Zaniolo possa giocarsi. Comunque io non dico se  giochiamo a tre o a quattro, sicuramente l’abbiamo provata in settimana, ma non dico se ci giocheremo. Dico che per Zaniolo l’assenza di Cristante non cambia nulla e tutti sanno in che posizioni può giocare Zaniolo”.

Pellegrini può fare il mediano con l’assenza di Cristante?
“Il lavoro che abbiamo fatto in settimana e che avete capito e seguito con le vostre fonti è lavoro che va nella spazzatura. Quello che abbiamo provato lo abbiamo perso perdendo Cristante. Con i tanti problemi che abbiamo al momento dobbiamo trovare delle soluzioni. Alcuni giocatori devono adattarsi, dobbiamo cercare di sacrficarci in questo momento di difficoltà. Ora però nessuno sa come giocheremo domani, solo io lo so. Oggi ovviamente non ci siamo allenati in riferimento alla partita”.

Lei ha la pazienza di fare il lavoro che serve alla Roma?
“Prossima domanda”.

Un pensiero su Shevchenko? Quali sono i vostri rapporti e ha un ricordo della sua carriera?
“Non c’è niente di più interessante da chiedere? Comunque il primo ricordo che ho è la prima volta che l’ho visto giocare. Io facevo l’analista al Barcellona e in Champions League l’ho visto analizzando PSV-Dinamo Kiev. Poi lui ha fatto la storia, quando vinci pallone d’oro, vinci la Champions e tanti titoli scrivi la tua storia e la sua è una storia fantastica. Come allenatore è alla prima esperienza in un club, ma ha fatto molto bene all’Ucraina, ha dimostrato di avere una filosofia e una leadership, anche se tranquilla e silenziosa. Gli auguro che come me possa perdere la prima partita da allenatore e poi vincere tanto.

5 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da Conferenze stampa