Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

La grande notte di Felix: fa felice Roma e Mou

La notte da sogno del giovane Felix

Ci sono attimi che ti possono cambiare la vita. Devi decidere in fretta e, magari, a qualcuno la tua scelta può anche sembrare assurda, ma l’importante è che tu — e solo tu — ne sia convinto. Felix Afena-Gyan, è Felix per tutti, 18 anni, attaccante pieno di sogni, nei giorni scorsi era stato convocato dalla Nazionale del Ghana. Ha preferito rinunciare, dicendo di non sentirsi ancora pronto, causando alla Roma anche un piccolo problema internazionale.

È rimasto ad allenarsi a Trigoria, promosso in prima squadra da José Mourinho che lo ha fatto esordire in Serie A a Cagliari il 27 ottobre e che, quattro giorni dopo, gli ha concesso il secondo tempo contro il Milan e oggi gli regalerà un paio di scarpe: “Da 800 euro“. Felix ha rinunciato alla sua Nazionale per evitare un viaggio lungo ma soprattutto per dare un segnale alla Roma e al suo allenatore.

Il risultato di questa scelta è che al 29’ della ripresa, con il Genoa arroccato in difesa dal primo minuto e la gara sullo 0-0, Mou ha mandato in campo lui come prima sostituzione — al posto del disastroso Shomurodov — e non Borja Mayoral o Zaniolo che erano in panchina e lì sarebbero rimasti. Otto minuti dopo, su poderosa accelerazione di Mkhitaryan, Felix ha fatto quello che fin lì non era riuscito a nessuno: un tiro forte, immediato e preciso. Gol. Impazzimento suo e dei compagni.

Mou sempre più convinto di essere ancora lo Special One. Ma non è finita lì perché al 94’, pensando che ormai il recupero dato da Irrati era finito, Felix si è inventato il 2-0 con uno straordinario tiro da fuori area che si è insaccato all’incrocio dei pali. Due gioielli che hanno permesso alla Roma di tornare alla vittoria dopo le sconfitte contro Milan e Venezia e che, probabilmente, disegnano nuove gerarchie, vedi l’ingresso dell’altro baby, Bove, classe 2002. Lo scrive “Il Corriere della Sera”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa