Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

Le scarpe a Felix e non solo: le promesse e i regali di Mou ai suoi calciatori

Dopo i due bellissimi gol del giovane Felix a Genova Mourinho mantiene la promessa, ma non è il primo regalo dello Special One…

Josè Mourinho, dopo i due grandissimi gol a Genova del giovane talento giallorosso, mantiene la promessa e regala due paia di scarpe nuove di zecca a Felix. Non è la prima volta che il tecnico portoghese promette regali o permessi speciali ai suoi calciatori. Ecco i precedenti:

– Il 20 dicembre del 2008 il brasiliano Maicon segnò 2 gol importantissimi a Siena, permettendo all’Inter di chiudere l’anno al primo posto. Il tecnico portoghese fu avvisato di una strana abitudine del terzino: “Fui informato che prendeva sempre, di proposito, il giallo nell’ultima gara per volare in Brasile. Allora gli parlai chiaramente. Gli dissi che se fosse stato ammonito non sarebbe andato in Brasile. Lui rispose: “E se segno?”, io replicai subito: “No, solo se ne fai 2″. Segnò due gol e gli permisi di andare prima in Brasile”.

– Nell’agosto del 2016, quando Mourinho allenava il Manchester United, concesse due giorni di riposo a Zlatan Ibrahimovic perchè: “Ibra ha giocato tutti i 90′ delle prime quattro giornate. Quando hai 34 anni il dispendio fisico è enorme, si merita questo riposo“.

– 24 novembre 2020: Lo Special One siede sulla panchina londinese del Tottenham e fa un regalo al terzino spagnolo Sergio Reguilon. Il portoghese regalò al suo calciatore un prosciutto da 500 sterline: “Mi è costata 500 sterline, ma una promessa è una promessa e l’ho mantenuta” scrisse Mourinho su Instagram. La scommessa non è mai stata resa nota, ma l’attuale tecnico della Roma dovette pagare pegno. 

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Approfondimenti